Bonifica per l’area ex Gasometro di Bari

Partiranno a breve i lavori di bonifica dell’ex Gasometro di Bari. Dopo un lungo contenzioso amministrativo tra due dei concorrenti al bando di gara pubblico, l’Amministrazione comunale ha firmato il contratto per le operazioni di risanamento e riqualificazione dell’area di corso Mazzini nel quartiere Libertà. All’associazione temporanea di imprese aggiudicataria dell’appalto – Unieco di Reggio Emilia con Trasporti Vecchi-Zironi srl, Geostream srl e Geos environment – spetta ora il compito di redigere, entro i prossimi 40 giorni, il progetto esecutivo per il ripristino del sito che occupa una superficie di circa due ettari. I lavori costeranno poco meno di 6 milioni di euro.

«Con la definizione dell’appalto per la bonifica del Gasometro – fanno sapere il consigliere comunale con delega all’Ambiente, Maria Maugeri e l’Assessore ai Lavori Pubblici, Marco Lacarra – mettiamo il sigillo su un’altra importante pagina della politica avviata ormai sette anni fa dall’amministrazione Emiliano a tutela della salute dei cittadini. Quella dell’ex fabbrica del gas era l’ultima area-problema, dopo il buon esito dell’intervento più urgente della messa in sicurezza della Fibronit e la bonifica con creazione di un grande parco urbano a Torre Quetta, tra i siti inquinati della città di Bari».

Articoli correlati