Input your search keywords and press Enter.

Black Friday sostenibile? Con Lush si può per salvare l’orango

sapone lush orango

Da venerdì 24 novembre e in occasione del Black Friday, Lush metterà in vendita il sapone Orangotango. Il ricavato servirà a restituire allo stato di foresta 50 ettari di terreno a Sumatra

Una buona azione che pulisca (e non è in senso metaforico) la nostra cattiva coscienza ecologista e approfitti degli sconti del Black Friday? Ci ha pensato Lush , brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, che presenta #SOSsumatra, una campagna etica in collaborazione con Sumatran Orangutan Society (SOS),   associazione attiva nel campo della tutela e della salvaguardia degli habitat e delle specie animali a Sumatra, al fine di proteggere gli orangotango e la foresta pluviale nella quale vivono. Va ricordato che grazie a SOS e ai suoi partners sono stati rigenerati più di 500 ettari di foresta pluviale su un terreno che ha visto piantagioni illegali di palma per oltre 10 anni.

Black Friday economico ed ecologico

black friday

Durante questo black friday ci sarà spazio anche per lo shopping sostenibile

A partire da venerdì 24 novembre e in occasione del Black Friday, il venerdì nero dedicato agli sconti prima dello shopping natalizio, verrà messo in vendita in tutta Europa e in edizione limitata Orangotango, un sapone che riproduce l’animale a rischio estinzione. Tutto il ricavato (esclusa l’IVA) della vendita di Orangotango verrà devoluto all’associazione SOS e ai suoi partner nell’isola di Sumatra, l’Orangutan Information Centre (OIC), per acquistare 50 ettari di terreno nel Bukit Mas a Sumatra e rigenerarli allo stato di foresta di origine.

LEGGI ANCHE: Cioccolato, l’oscuro segreto che porta alla deforestazione

La campagna #SOSsumatra si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della deforestazione e sul forte rischio di estinzione degli orangotango. Ad oggi si contano solo 14.600 oranghi che vivono allo stato selvatico nel loro ambiente naturale a Sumatra. Così Lush produrrà 14.600 saponi, pari al numero di orangotango, al prezzo di € 9.50. Ma non è solo l’orango l’oggetto della campagna Lush. Il sapone Orangotango, infatti,è realizzato con una base di olio extravergine di cocco proveniente da Nia, un’isola al largo di Sumatra.

C’è bisogno di imprese etiche

Il sapone Orangotango è realizzato con una base di olio extravergine di cocco proveniente da Nia, un’isola al largo di Sumatra

Helen Buckland, Presidente dell’associazione SOS commenta: «Gli orangotango che vivono allo stato selvatico sono soggetti a diverse minacce. La loro sopravvivenza dipende dalla protezione del loro habitat di origine e dalla salvaguardia della foresta. Per noi è fantastico poter riportare allo stato di foresta originaria questo terreno e poter offrire agli oranghi un posto per vivere e girovagare liberamente».

Simon Constantine, mastro profumiere Lush e responsabile dell’Ethical Buying aggiunge: «È stata proprio la Sumatran Orangutan Society a mostrarci l’impatto che i nostri ingredienti avevano a Sumatra. Da quel momento ci siamo impegnati a cambiare radicalmente il nostro metodo di lavoro, rimuovendo, per esempio, l’olio di palma e la glicerina dalla base dei nostri saponi per provare a correggere il danno fatto. Personalmente credo che questo abbia rappresentato un vero e proprio punto di svolta: abbiamo realizzato che non era più sufficiente limitarsi a ciò che era meno peggio, ma dovevamo impegnarci al fine di creare soluzioni efficaci ai problemi che la palma e altri ingredienti possono causare»

Il sapone Orangotango sarà disponibile anche online e non solo per il black Friday fino ad esaurimento dei pezzi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *