Biodiversità pugliese, una settimana per promuoverla

Oltre 80 eventi in tutta la Puglia dal 16 al 21 maggio per celebrare l’agrobiodiversità

 

La Puglia celebra la biodiversità d’interesse agricolo e alimentare raccontando e promuovendo, attraverso un fitto calendario di eventi, il valore inestimabile di un patrimonio di antiche varietà e razze autoctone a rischio di estinzione, che sono il fondamento delle tradizioni e della storia rurale pugliese. L’Assessorato Agricoltura della Regione Puglia ha infatti presentato questa mattina la Settimana della Biodiversità 2022, in programma dal 16 al 21 maggio. Una sei giorni ricca di iniziative su tutto il territorio regionale organizzata dalla Regione Puglia insieme al Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali (DISAAT) dell’Università degli Studi di Bari, che ha coordinato le istituzioni scientifiche e universitarie coinvolte nel progetto, ma anche le scuole, le associazioni, i tecnici, gli agricoltori e gli allevatori. L’iniziativa, giunta alla sua quinta edizione, è realizzata con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole e si svolge in occasione della giornata nazionale della Biodiversità, istituita dal Ministero il 20 maggio.

Oltre 80 gli eventi in programma, tra visite guidate sui campi alla scoperta delle antiche varietà biodiverse pugliesi e nei luoghi di conservazione del germoplasma, convegni, eventi, laboratori, degustazioni e tasting tour, proiezioni video, seminari, workshop, letture animate dedicate ai più piccoli, mercati contadini. Le iniziative sono rivolte a famiglie, scolaresche e, naturalmente tecnici ed esperti. Anche il mondo scolastico pugliese è coinvolto, in un percorso di conoscenza della bellezza delle risorse agro-ambientali del territorio, con il concorso fotografico “Obiettivo Biodiversità” (aperto fino al 14 maggio a questo link ), finalizzato a rendere gli studenti parte attiva nel ‘raccontare’ la biodiversità della Puglia, e con il concorso enogastronomico “Agrobiodiversità in tavola”.

La Puglia per la tutela delle specie autoctone

frutta puglia foto pixabay
La settimana della Biodiversità pugliese celebra il valore inestimabile di un patrimonio di antiche varietà e razze autoctone a rischio di estinzione, che sono il fondamento delle tradizioni e della storia rurale della Puglia (foto Pixabay)

“La Puglia detiene un patrimonio tra i più rilevanti a livello nazionale – ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia, che ha presentato l’iniziativa – e difenderlo significa compiere una missione importante nella quale siamo tutti coinvolti come cittadini e istituzioni. La Regione Puglia in questi anni ha investito moltissimo in politiche per il recupero, la conservazione, lo studio delle varietà e delle razze autoctone, con il contributo indispensabile degli e del mondo scientifico. Quest’anno, con rinnovato entusiasmo, torniamo a celebrare la biodiversità in presenza, nei luoghi di conservazione e valorizzazione delle specie biodiverse, sapendo quanto sia sentito, da grandi e piccoli, il tema di un’agricoltura legata al territorio e presidio ambientale”.

Dal 2013, quando è stata approvata la legge regionale 39 “Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agricolo, zootecnico e forestale”, sono stati fatti molti passi nella direzione della riscoperta  e tutela delle varietà e razze antiche; la legge rappresenta la cornice strategica entro cui sono confluite le attività presenti sul territorio. Infatti le risorse messe a disposizione dal Programma di Sviluppo rurale regionale e la collaborazione con strutture come il DISAAT, hanno permesso la ricerca e conservazione di oltre 650 varietà di specie autoctone. Inoltre a giorni si concluderà l’iter amministrativo per approvare altri 10 progetti integrati per la biodiversità. Ma c’è ancora molto da fare, “soprattutto  – ha concluso Pentassuglia -nell’ottica di una valorizzazione di queste risorse attraverso il riconoscimento del ruolo dell’agricoltore, l’organizzazione di filiere, la formazione di Comunità del cibo, i presidi alimentari, i percorsi di qualità delle produzioni, l’innovazione come strumento strategico verso i cambiamenti climatici e le emergenze fitosanitarie”.

Tutti i contenuti e tutte le attività in programma sono disponibili al link www.settimanabiodiversitapugliese.it.

 

Articoli correlati