Biocarburante nella rete diesel europea stradale

Foto di Engin Akyurt da Pixabay

Circa 4 milioni di litri di HVO100 realizzato con il 100% di materie prime rinnovabili e sostenibili

 

Le due società PostNL e Spring hanno immesso nella rete di rifornimento diesel europea per il trasporto stradale circa 4 milioni di biocarburante HVO100. Si tratta di carburante di altissima qualità, realizzato al 100% con materie prime rinnovabili e sostenibili. Questi biocarburanti garantiscono una riduzione di ben 12 chilotonnellate di emissioni di anidride carbonica all’anno, pari alla circolazione di circa 5.000 automobili a benzina nell’arco di dodici mesi.

L’ olio vegetale idrotrattato (HVO) è un biocarburante ottenuto dall’idrocracking o dall’idrogenazione dell’olio vegetale . Può essere utilizzato per creare sostituti della benzina, del diesel, del propano, del cherosene e di altre materie prime chimiche. Le materie prime sono principalmente colzaalghejatrophasalicorniaolio di palmasego e soia.

Grazie a questa iniziativa, PostNL e Spring contribuiscono in modo significativo alla diminuzione delle emissioni di anidride carbonica dell’intera industria dei trasporti.

PostNL e la filiale internazionale Spring hanno già adottato una strategia che privilegia gli spostamenti a piedi, in bicicletta e l’utilizzo di veicoli elettrici per la consegna della corrispondenza e dei pacchi nei Paesi Bassi.

Inoltre, utilizzano i biocarburanti HVO100 per i trasporti su larga scala tramite veicoli che non sono ancora elettrificati. Il biocarburante HVO100 riduce significativamente le emissioni di sostanze inquinanti come l’anidride carbonica (CO2), gli ossidi di azoto (NOx) e il particolato, emettendo fino al 90% in meno di CO2 rispetto al diesel normale.

 Un progresso straordinario e decisivo

 Nell’ambito del trasporto internazionale su strada a lunga distanza, la sostenibilità rappresenta un’ulteriore sfida: la gamma e le infrastrutture per i camion elettrici sono ancora poco sviluppate e la disponibilità di HVO100 al di fuori dei Paesi Bassi è molto limitata. Tuttavia, c’è una soluzione: il biocarburante HVO100 può essere integrato nella rete diesel europea esistente. A questo proposito, PostNL e Spring, in collaborazione con alcuni partner, hanno trovato la soluzione di utilizzare il carburante HVO100 per il trasporto internazionale su strada in Europa. Si tratta di un progresso eccezionale e di grande impatto sul settore della logistica.

Il biocarburante HVO100 nella rete europea

Eravamo alla ricerca di una soluzione innovativa per utilizzare il biocarburante HVO100 e l’abbiamo trovata definendo un nuovo standard, nella speranza che questa iniziativa diventi d’ispirazione anche per altri,” dichiara Tijs Reumerman, Managing Director di PostNL Cross Border Solutions. “In futuro, acquisteremo una quantità di biocarburanti pari a quella necessaria per coprire tutto il nostro trasporto internazionale su strada in Europa, che verrà reso disponibile alla rete diesel europea a partire da oggi. Questa soluzione riduce le emissioni in misura pari a quella che si otterrebbe se i nostri camion fossero in grado di funzionare direttamente con il carburante HVO100. Si tratta di un’iniziativa di cui siamo immensamente orgogliosi: infatti, lavorando a stretto contatto con i nostri clienti, con i partner dell’ultimo miglio e con l’intero settore della logistica, vogliamo contribuire a rendere più sostenibile tutto il settore del trasporto stradale europeo e questa iniziativa ci permette di dare il buon esempio. Tutti i nostri clienti possono beneficiare direttamente della riduzione delle emissioni di carbonio, senza costi aggiuntivi.

Articoli correlati