Input your search keywords and press Enter.

Bici, che passione: vantaggi economici e iniziative a due ruote

La bici torna protagonista. Iniziative in piazza, boom delle vendite delle bici elettriche e studi sulla ‘felicità’ di andare su due ruote

Bici, che passione. Con l’arrivo delle belle giornate, aumentano anche i ciclisti urbani. Le bici escono dai box e vanno in strada. Per conquistare anche un pezzo di felicità.

Non ci credete? Un ricercatore, Dan Buettner, ha quantificato quanto saremmo più felici se potessimo ridurre i tragitti casa-lavoro. Il corrispondente in denaro di questa felicità, che il socio e autore del National Geographic ha indicato nel suo libro Thrive: Finding Happiness the Blue Zones Way, è di ben 40.000 dollari.

Tra bici e passeggiate

La rivista Regus ha preso l’argomento molto sul serio. E analizzato il tragitto casa-lavoro perfetto. I percorsi in bici fanno, ovviamente, la loro figura. Sarebbero un’ottima alternativa per i pendolari della Corea del Sud, il Paese che vanta il triste primato del tempo di spostamento casa-lavoro più lungo del mondo: 74 minuti a tratta. Tradotto: in un anno, si sprecano 25 giorni e 19 ore per spostarsi.

L’alternativa ideale esiste. E non è lo stare comodamente a casa. Secondo uno studio condotto su più di 1.000 lavoratori a San Francisco, il tempo ideale per andare al lavoro è di 16 minuti. Meno del 2% ha risposto che vorrebbe un tragitto inferiore a 4 minuti, mentre solo l’1,2% ha detto che non vorrebbe proprio dover spostarsi. E la scienza – spiegano da Regus – supporta questa tesi. Il numero di ricerche secondo cui i “tragitti casa-lavoro attivi”, quelli cioè che prevedono spostamenti a piedi o in bicicletta, possono persino migliorare la qualità della vita, alla stregua di un matrimonio o di un aumento di stipendio, è in costante aumento.

Il commercio incontra il “pianeta due ruote”

Vantaggio in qualità della vita, ma anche a livello economico. «Pensiamo – evidenzia Christopher Ingraham, reporter del Washington Post – all’effetto trasformativo del ridare indietro alle persone il tempo sprecato per raggiungere il posto di lavoro e moltiplichiamo quelle due ore per i 250 giorni lavorativi in un anno tipico. Sono 500 ore in più all’anno».

E una ulteriore semplice operazione, rende il concetto: «Se moltiplichiamo questa cifra per 3,6 milioni di lavoratori arriviamo a circa 1,8 miliardi di ore di produttività potenziale rimessa a disposizione dell’economia. Quei quasi 2 miliardi di ore equivalgono a 900.000 lavori a tempo pieno».

Lignano Sabbiadoro Goes Green

Bicicletta e commercio, pertanto, possono “viaggiare assieme”.  E pedalare può portare vantaggi a salute e portafogli.  Sono diversi gli studi che confermano come, in un contesto cittadino, l’incentivare una mobilità ciclabile porti a spendere più denaro nei negozi “del centro”. Se ne è parlato aLignano Sabbiadoro Goes Green. Prospettive di una città ciclabile. Sono stati esposti studi, ma anche idee e iniziative concrete per promuovere l’utilizzo della bicicletta e stimolare il settore pubblico e privato a investire sulla “bikenomics”.

Nuove possibilità di crescita in cui la stessa città di Lignano sta investendo molto. Sta promuovendo nuovi itinerari cicloturistici, collegamenti gratuiti e dedicati ai ciclisti via barca, mappe con QR code tramite cui è possibile geolocalizzarsi con lo smartphone e seguire il percorso scelto in tutta sicurezza.

I progetti sul territorio

Per un cambio di marcia e mentalità, sono fondamentali i progetti sul territorio.

Formare professionalità nuove e competenze specifiche per incentivare la ciclabilità urbana sui territori di riferimento. E’ questo infatti l’obiettivo dei corsi rivolti agli amministratori e ai tecnici delle Pubbliche Amministrazioni di Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia: una giornata in aula e una on the road per studiare e toccare con mano le potenzialità della mobilità sostenibile.

I corsi di formazione sono attivati nell’ambito del progetto europeo PrepAIR finanziato dal programma Life, che ha l’obiettivo di realizzare azioni per migliorare la qualità dell’aria nelle regioni del bacino padano.

Bici e progetti sul territorio

Bici e progetti sul territorio

Le bici elettriche

Che il mercato sia in evoluzione ed espansione, lo dimostra anche il boom delle bici elettriche.  E molti sono i Bike Festival organizzati in giro per l’Italia che vedono impegnate città come Firenze, Roma, Riva del Garda e Monza.
L’aumento dell’interesse dimostrato dai consumatori verso questo mezzo di trasporto ecologico ha suggerito a molte aziende fieristiche l’organizzazione di eventi dedicati il cui tema è la mobilità sostenibile.

Il magazine Idealo ha anche stilato un report sul modello di utente che cerca le e-bikes. Sono principalmente uomini tra 35 e 64 anni. Le presenze femminili sono state pari solo al 14,2% come pure sono pochi i giovani tra i 18 e i 34 anni. I più attivi sono gli utenti di età media, tra i 45 e i 54 anni, che con un 29,4% rappresentano la percentuale più alta registrata su idealo.

Il maggior interesse arriva dalle regioni del nord Italia con il 60% delle presenze rispetto al 40% del Centro-Sud e isole.

LEGGI ANCHE. Il “guadagno” di andare al lavoro in bicicletta.

I supereroi per Bimbimbici

E per incentivare la mobilità sostenibile e diffondere l’uso delle due ruote tra giovani e giovanissimi, arrivano anche i supereroi.

Domenica 13 maggio torna l’allegra pedalata in sicurezza lungo percorsi urbani promossa ogni anno da FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta. E proprio chi usa la bicicletta, infatti, “sceglie un mezzo che può vantare tanti superpoteri. Non inquina l’aria – spiegano i promotori dell’iniziativa – , non fa rumore, non occupa tutto lo spazio delle auto, rende le persone più felici e allegre”.

A oggi sono più di ottanta le località che hanno già calendarizzato l’edizione 2018 di Bimbimbici ma le adesioni sono in continuo aggiornamento. (Info www.bimbimbici.it).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *