Bestack al Fruit Logistica di Berlino

L’imballaggio è parte integrante del prodotto e deve rispondere a criteri di sostenibilità ambientale. Se si parla di ortofrutta, il packaging deve preservare la freschezza e la salubrità dei prodotti.

Il settore del cartone ondulato investe sulla ricerca, per migliorare la funzionalità degli imballaggi e la loro vocazione ecologica. Bestack è il consorzio non profit di ricerca, che riunisce a livello nazionale i produttori di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta. Dalla sua nascita, nel 2004, il consorzio ha concentrato la sua attività nel promuovere e raccogliere studi, analisi, banche dati e case history. La finalità è portare innovazione al comparto produttivo, garantire le performance di questo tipo di imballaggio e contribuire alla competitività dell’ortofrutta italiana.

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari di Cesena, i prodotti ortofrutticoli conservati negli imballaggi in cartone ondulato hanno una shelf life maggiore, quindi, in ultima analisi, hanno meno probabilità di finire nella spazzatura.

Bestack sarà presente alla prossima edizione di Fruit Logistica, la vetrina mondiale dell’ortofrutta, in programma dal 5 al 7 febbraio nel quartiere fieristico della Messe a Berlino (Germania). L’allestimento dello stand sarà composto da pezzi esclusivi decorati dallo street writer Luca Moretti, l’uno diverso dall’altro.

L’installazione testimonierà il massimo grado di personalizzazione che si può ottenere con il packaging per valorizzare il prodotto contenuto. Questa personalizzazione estrema delle confezioni è un trend che costantemente si conferma: attira, fidelizza, fa sentire proprio il prodotto acquistato.

Articoli correlati