Input your search keywords and press Enter.

“Base Tuono”, il Parco della Memoria

Base Tuono, il museo della Guerra Fredda - Archivio Fondazione Museo Storico del Trentino

Uno spaccato di storia per sottolineare i valori della pace e della convivenza fra i popoli. Un segno tangibile della storia più recente, di quel periodo cioè che va sotto il nome di Guerra Fredda. Nelle comunicazioni militari la base NATO di Passo Coe era indicata come Base Tuono”, denominazione oggi recuperata. Frutto di un progetto del Comune di Folgaria in Trentino e condiviso dal Veneto, il Parco della Memoria ospita  l’unico sito in Europa dove un’intera sezione missilistica testimonia le tensioni tra i blocco occidentale e la ex Unione Sovietica.

le Dolomiti d'autunno

Il parco si sviluppa dal Monte Zugna nelle Piccole Dolomiti ai Grandi Altipiani della Valsugana, tra le province di Trento e di Vicenza. Al progetto hanno aderito oltre trenta enti e istituzioni trentine e venete con l’obiettivo di valorizzare i patrimoni e le risorse storico-culturali presenti nei due territori. Siti come Malga Zonta, Pasubio e  Ortigara, per esempio, messi in rete diventano meta di percorsi tematici,  testimoni di aree archeologiche,  della presenza di minoranze linguistiche, del passaggio di protagonisti della cultura internazionale come il padre della psicanalisi Sigmund Freud, di scrittori come Emilio Lussu, Luigi Meneghello e Mario Rigoni Stern e dello stesso Presidente della Repubblica Giorgo Napolitano

l'eccidio di Malga Zonta - Archivio Fondazione Museo Storico Trentino

che lo scorso anno, in occasione della commemorazione del 66° anniversario dell’eccidio di Malga Zonta, la strage nazista compiuta nella notte del 12 agosto 1944 nella quale furono fucilati 17 partigiani, diede la sua approvazione per la costituzione del Parco della Memoria. Una delle prime iniziative proposte nell’ambito del Parco della Memoria è stato il recupero storico-didattico di “Base Tuono”, situata a Passo Coe, quota 1600 metri, sull’Altopiano di Folgaria.

i missili Nike-Ercules schierati

Nella base dell’Aeronautica Militare erano posizionate due dozzine di missili Nike-Hercules armati con testate convenzionali per la difesa aerea. In seguito agli accordi per il disarmo nell’agosto del 1977 militari e missili hanno lasciato Base Tuono. Da qualche giorno, però, tre Nike-Hercules sono stati riposizionati sulle rampe grazie anche alla collaborazione con l’Aeronautica Militare Italiana che ha recuperato di una delle tre sezioni di lancio della Base. Il progetto prevede anche il restauro conservativo dell’hangar in cui i Nike-Hercules erano custoditi, la riproposizione dell’intero apparato tecnico che sovrintendeva alle operazioni di lancio: consolle, computer, carri comando e sistemi di puntamento radar; il recupero dei bunker. Nell’hangar restaurato sarà posizionato un quarto missile, parzialmente sezionato a scopo illustrativo. Un percorso storico, culturale e didattico racconterà la storia degli anni dal 1966 al 1977. Per l’Azienda per il Turismo di Folgaria, Lavarone e Luserna, il recupero di Base Tuono è uno degli elementi di maggior interesse del cosiddetto turismo culturale.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *