Input your search keywords and press Enter.

Barriere architettoniche e culturali

Tra i tanti diritti e doveri riservati ai cittadini italiani, ce n’è uno che talvolta viene accantonato, forse perché ritenuto scontato: è il diritto alla libertà di movimento; si parla di un diritto assai importante, che coinvolge tutti i cittadini alla “lotta” contro le barriere architettoniche.
barriere architettoniche - il portatore di handicap non è in grado di salire le scale con la sua carrozzina

barriere architettoniche - come fa un portatore di handicap a salire scale come queste?

Ma cosa sono le barriere architettoniche? Il riferimento è a tutte quelle costruzioni e strutture, pubbliche o private, che impediscono, limitano o rendono difficoltosi gli spostamenti o la fruizione di servizi, sia per cittadini normodotati, sia, soprattutto, per persone con limitata capacità sensoriale o motoria. L’Italia sta dimostrando, specie negli ultimi anni, di avere a cuore questa tematica, e lo testimoniano gli investimenti che tutte le Regioni fanno in fase di pianificazione urbanistica in vari settori: nelle abitazioni, nei trasporti, nel lavoro, nell’istruzione e nel tempo libero (autobus con saliscendi e posti riservati per persone in carrozzella; scivoli nelle scuole, in molti edifici e sui marciapiedi; posti riservati per le proprie autovetture).

parcheggio auto riservato ai portatori di handicap

parcheggio auto riservato ai portatori di handicap

L’obiettivo, pertanto, è quello di migliorare la qualità della vita di questa categoria di persone, agendo su tre diversi livelli: accessibilità e fruizione degli spazi nel modo più sicuro e autonomo; visitabilità, intesa come accesso a spazi di relazione con idonee strutture igieniche; adattabilità, vale a dire la possibilità di modificare nel tempo e migliorare lo spazio costruito con costi limitati.

Nonostante questa sensibilità legislativa e operativa, il problema è ancora attuale, perché non tutte le strutture sono sufficientemente adeguate, e perché non tutti mostrano di possedere una matura responsabilità in questa direzione: così si vedono quotidianamente automobili parcheggiate sui posti dei disabili o davanti agli scivoli dei marciapiedi, oppure bidoni della spazzatura posizionati nelle zone limitrofe. Senza una costante sorveglianza delle forze dell’ordine. E perfino nella progettazione architettonica più lungimirante può capitare di “dimenticare” anche la più elementare forma di attenzione per i disabili, come il recente Ponte della Costituzione dell’architetto spagnolo Calatrava, costruito a Venezia sul Canal Grande: una costruzione tanto moderna che il primo progetto non aveva previsto alcun impianto che rendesse accessibile il ponte alle persone con ridotta capacità motoria.

Quarto Ponte Sul Canal Grande di Santiago Calatrava

Quarto Ponte Sul Canal Grande di Santiago Calatrava

Siamo, dunque, in presenza di un fenomeno ambientale strettamente legato a quello sociale, e per questo motivo più voci concordano nell’affermare che è necessario eliminare prima di tutto le barriere culturali, per poi agire su quelle architettoniche, per promuovere l’integrazione sociale parallelamente a quella ambientale. Prendere coscienza di essere membri di una comunità vasta ed eterogenea sotto ogni aspetto è compito delle istituzioni e dei media, ma al tempo stesso è necessario fare attenzione al rischio opposto, cioè «trasformare il disabile in oggetto mediatico per fare audience, invece di garantirgli, semplicemente, una vita dignitosa», come afferma Antonio Spinelli, Presidente Nazionale Federazione Italiana Weelchair Hockey.

Se la soluzione non può essere quella di abbattere un “muro”, la speranza dev’essere quella di avere i “mezzi” per superarlo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *