Input your search keywords and press Enter.

Bari si interroga su questione rifiuti

«I temi dell’ambiente, delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica e del riciclo hanno conquistato un posto di primo piano nel dibattito economico internazionale. Bisogna spingere sull’acceleratore dello sviluppo di queste tecnologie per tutto ciò che le riguarda, dagli investimenti alla legislazione passando per la ricerca». A dirlo è il presidente della Confapi Bari e BAT nonché vice presidente della Camera di Commercio di Bari Erasmo Antro, in un convegno tenutosi a Bari sul trattamento e lo smaltimento di rifiuti di origine urbana e industriale, sui processi di bonifica e sul recupero di aree industriali dismesse. Nel corso dei lavori sono state illustrate alcune best practies del settore sul tema delle bonifiche di terreni contaminati e discariche per rifiuti solidi urbani. «L’insufficienza impiantistica – dichiara Salvatore Adamo, coordinatore sezione ambiente Confapi Puglia – che si rileva ancora oggi su tutto il territorio nazionale e su quello pugliese, impone l’adozione di nuove metodiche in tema di trattamento e smaltimento finale di rifiuti di origine industriale». L’impiego di impianti cosiddetti mobili viene perciò identificato come scelta strategica, in grado sia di superare i limiti legati alla localizzazione che alla necessità di notevoli investimenti per il territorio. Dalla Puglia arriva poi l’esperienza della regione in tema rifiuti: «Nel nostro piccolo abbiamo cercato di creare un circolo virtuoso, – spiega l’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente Lorenzo Nicastro – nel senso che un rifiuto riciclato in Puglia, come la carta ad esempio, viene poi riutilizzato sempre in Puglia grazie alla nostra imprenditoria. Se riusciamo a fare questo daremo un senso all’economia delle risorse globali».

Print Friendly, PDF & Email