Input your search keywords and press Enter.

Bari: sequestrate piante di Khat, dall’effetto psicotropo ed euforizzante

Nel corso di controlli svolti all’interno dell’aeroporto Karol Wojtyla di Bari-Palese, militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Bari hanno notato un 37enne portoghese che, sceso da un aereo proveniente da Londra, ha tentato di dileguarsi lasciando il suo bagaglio sul nastro trasportatore.

L’atteggiamento equivoco è stato notato dai finanzieri che di conseguenza hanno deciso di eseguire una meticolosa perquisizione del collo, che si è conclusa con il rinvenimento, all’interno della valigia, di 195 piante di stupefacente denominato “Khat”, per un peso complessivo di 20 chilogrammi.

Il “Khat” è una pianta coltivata in Africa Orientale e nella parte sud-ovest della penisola arabica, le cui foglie contengono un alcaloide, molto simile alle anfetamine, con uno spiccato effetto psicotropo ed euforizzante. Tra l’altro, le popolazioni di quelle aree lo utilizzano anche come analgesico. Si tratta di un tipo di stupefacente di cui non si ha cognizione di altri sequestri operati in questa provincia.

Il corriere è stato tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *