Input your search keywords and press Enter.

Bari ricorda la Strage di via Dell’Arca

28 luglio 1943: i cecchini appostati nella sede barese del Partito Nazionale Fascista spararono contro un pacifico corteo, che accoglieva gli antifascisti all’uscita del carcere. Venti le vittime, perlopiù giovani, operai e studenti.

Giovedì 25 luglio, la città di Bari omaggerà i caduti della Strage di via Nicolò Dell’Arca. In piazza Umberto I, saranno conficcate nell’asfalto venti pietre di inciampo. Su ciascuna di esse, una targa di ottone, con un nome e un’età. L’installazione è su progetto dell’architetto Arturo Cucciolla, dall’idea dell’artista tedesco Gunter Demnig diffusa in molti Paesi europei.

La manifestazione commemorativa, dal titolo Noi ricordiamo, si apre alle 17 con un incontro nel palazzo ex Poste, in piazza Cesare Battisti. Prenderanno la parola il sindaco di Bari Michele Emiliano, il rettore dell’Università di Bari Corrado Petrocelli, Vito Antonio Leuzzi dell’Ipsaic, Pasquale Martino dell’Anpi, Arturo Cucciolla dell’Anpi, Carlo Ghezzi della Fondazione Di Vittorio e Pino Gesmundo della Cgil Bari. Porteranno le loro testimonianze Paolo Laterza e Giuseppe Lopez.

A seguire, intorno alle 19, fra il giardino e via Niccolò dell’Arca si svolgerà la commemorazione con il posizionamento delle venti pietre d’inciampo. Si creerà così un collegamento anche visivo tra il luogo esatto della strage e il monumento realizzato negli anni Ottanta dal Comune per ricordare quella giornata.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *