Bari per bene, un atto di amore per la propria città (e di riduzione dei rifiuti)

Il sindaco di Bari Antonio decaro e l’Assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli alla presentazione di “Bari per Bene”

«Da oggi parte la riscossa. Noi continuiamo a costruire, con l’amore testardo di chi è innamorato della propria casa, della propria terra. Per questo la nostra battaglia di civiltà parte a San Valentino. Da oggi parte una guerra. Vera. Tra i cittadini civili e quelli incivili. Tra chi farà di tutto per rendere la città più bella e chi nella noncuranza e inciviltà continuerà a remare contro». Sono le parole provocatorie che ha usato il sindaco di Bari Antonio Decaro il 14 febbraio scorso per presentare il progetto Bari per Bene.

L’obiettivo dell’iniziativa è rendere la città più bella e pulita grazie ad una serie di interventi. Il progetto è partito dal quartiere Madonnella, zona-pilota dell’iniziativa e attraverserà tutti i quartieri della città – il prossimo verrà annunciato il 15 aprile in una conferenza stampa di resoconto –  grazie al contributo dei cittadini ai quali l’amministrazione chiede collaborazione e impegno nell’adottare comportamenti rispettosi delle regole e della civile convivenza.

Prima settimana I primi interventi hanno visto sin da subito l’AMIU provvedere alla pulitura dei muri dell’istituto scolastico Imbriani e al diserbamento e pulizia degli spazi verdi nelle aree che costeggiano il lungomare. Nello stesso tempo si è proceduto all’installazione di cestini utili alla raccolta delle deiezioni canine in cinque piazze. Sul fronte pulizia, si è proceduto al lavaggio delle strade e alla potatura di alberi e siepi nei giardini. L’Assessore all’Ambiente Petruzzelli e il sindaco Decaro, insieme ai giocatori della FC Bari 1908 calcio, si sono impegnati nella pulizia del giardino Robert Baden Powell, coinvolgendo studenti delle scuole e un gruppo scout. Sono stati posizionati l’80% dei cestini portarifiuti e realizzato il 30% degli stalli per il posizionamento dei cassonetti dell’Amiu.

Ormai è stata ultimata l’installazione dei posacenere e dei portarifiuti

I maggiori controlli effettuati dalla polizia hanno innescato un maggior rispetto della sosta tariffata: c’è stato infatti un aumento del 10% degli incassi dei parcometri. Il dato meno positivo è stato sicuramente quello relativo alla raccolta differenziata, che si è attestata solo al 23%. Il sindaco annuncia controlli ambientali molto più severi e inflessibili.

Seconda settimana – Sono proseguiti gli interventi: è stata ultimata l’installazione dei posacenere e dei portarifiuti. Sono terminate le operazioni di pulizia delle pareti del molo San Nicola e dell’istituto scolastico Imbriani. È stato inoltre completato il diserbo delle vie del quartiere, sistemata e ripulita l’area attrezzata per cani in piazza Gramsci. Oltre agli interventi ordinari di lavaggio stradale e di disinfestazione, è stata effettuata la pulizia della spiaggia e del suolo dell’area di Pane e Pomodoro. Si sono intensificati i controlli, sono state 1.023 le sanzioni rilevate per violazione del Codice della strada. La  percentuale complessiva di raccolta differenziata raggiunge risultati più soddisfacenti si attesta a 29,58%. Sono state riscontrate meno infrazioni rispetto alla prima settimana, questo ci lascia pensare che i cittadini stanno abbandonando le vecchie cattive abitudini e acquisendo comportamenti più virtuosi.

La seconda fase della campagna “Bari per Bene” si concluderà il 15 aprile

Terza settimana – Sono stati effettuati interventi di falciatura e sagomatura delle siepi a Pane e Pomodoro, sistemate le rastrelliere per le biciclette e installati altri 20 blocchi portabici. Sono state eseguite le operazioni di pulizia delle panchine e dei giochi per bambini nel giardino in piazza Gramsci. Le sanzioni sono salite a 1.120 per violazione del Codice della strada, 4 verbali alle attività commerciali per mancata differenziazione dei rifiuti, 44 ai cittadini per errato conferimento, 3 per mancata raccolta di deiezioni canine. La percentuale complessiva di raccolta differenziata è salita al 24,09%. «Siamo soddisfatti per la risposta dei cittadini – ha commentato l’assessore all’ambiente Pietro Petruzzelli.- Nei prossimi giorni proseguiremo mantenendo tutti i nostri impegni, con l’augurio che il patto tra amministrazione e cittadini continui a dare sempre migliori risultati».

La prima fase della campagna si è cpnclusa il 16 marzo. Ora parte la seconda fase, che andrà fino al 15 aprile. e che consisterà nella raccolta e gestione feedback attraverso l’analisi dei dati recepiti dalle attività di monitoraggio e nell’aggiornamento del programma della sperimentazione in corso.

 

 

Articoli correlati