Bari, Parco del Castello, avviata la prima cessione

Sono state cedute le aree del Provveditorato che costituiranno la prima parte

 

È stato formalizzato in Capitaneria di Porto a Bari il passaggio di consegna delle aree verdi ricomprese nella più vasta area di proprietà del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Provveditorato OO.PP che insistono sul corso De Tullio, antistanti la palazzina che ospita gli uffici del Provveditorato. L’istanza di rilascio di quelle aree è promossa dal Comune di Bari ed è propedeutica alla volontà dell’amministrazione comunale di realizzare il “Parco del Castello”, riproponendo le previsioni del Piano particolareggiato della Città vecchia di definire una zona verde intorno al centro antico e al Castello Svevo, accorpando il verde esistente con i fossati del Castello, il giardino Isabella d’Aragona e piazza Massari.

In tal modo l’area a verde, previa esecuzione di alcuni piccoli interventi a cura degli uffici comunali, potrà essere restituita alla fruizione pubblica nell’ambito della realizzazione del progetto più ampio del “Parco del Castello” da realizzare per lotti.

Con nota di qualche mese fa, dopo svariate interlocuzioni tra gli enti e i rappresentati istituzionali interessati, la Capitaneria di porto di Bari ha comunicato il nulla osta del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche alla riconsegna dell’area demaniale marittima su cui insiste la parte di giardino di pertinenza degli Uffici dello stesso Provveditorato, antistante il fabbricato, a condizione che questa venga preservata da una fascia di almeno 5 metri dal limite del percorso carrabile per migliorare la viabilità interna e consentire l’accesso agli impianti retrostanti il fabbricato. Il Comune, quindi, una volta acquisite le aree, si impegna a garantire la fruizione del giardino pubblico previa realizzazione di accesso autonomo attraverso un varco lungo corso De Tullio, costruzione di un muro che divida nettamente le due porzioni di giardino ed esecuzione dei necessari interventi manutentivi sulle aree a verde e sugli impianti.

Nei prossimi giorni si procederà ad avviare l’iter autorizzativo per l’esecuzione dei lavori.

Articoli correlati