Bari, il Comune sceglie la bici (e premia chi la usa)

Online il nuovo bando MUVT in bici per rimborsi chilometrici a chi usa le due ruote. Al via la misura sperimentale “Bike To” che offre voucher da spendere nelle attività del settore culturale

 Incentivi per i cittadini che lasciano a casa l’auto per spostarsi in bicicletta a Bari. Ma non per tutti: solo a chi usa l’app Pin bike. Il nuovo bando MUVT in bici per accedere ai rimborsi è stato pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Bari, a questo link.

Questa misura prosegue nel solco già tracciato dal programma sperimentale di monitoraggio per il rimborso chilometrico (effettuato sempre con il dispositivo Pin Bike), partito nel 2019, a cui hanno partecipato circa 1000 cittadini e che ha distribuito oltre 30 mila euro di rimborsi chilometrici a fronte di 74mila kg di co2 risparmiati e di più di 500mila km totali percorsi.

I rimborsi

MUVT in bici prevede un rimborso chilometrico per gli utenti iscritti, così definito:

 

BICICLETTA A PEDALATA ASSISTITA
casa – lavoro – casa / casa – scuola – casa€ 0,10
Altre tratte€.0,02

Per ogni utente, il rimborso chilometrico non potrà in ogni caso superare l’importo di € 1 al giorno con l’obbligo di raggiungere almeno l’importo di € 20 entro il 31 dicembre 2022, pena il non riconoscimento di alcun importo.

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando:

  • cittadini maggiorenni residenti a Bari;
  • beneficiari dell’incentivo MUVT, che hanno partecipato alle precedenti sessioni della sperimentazione (anche in maniera non continuativa), a seguito di richiesta di ammissione – questi utenti non dovranno ripresentare alcuna documentazione, ma saranno inseriti automaticamente nel progetto “MUVT in Bici”;
  • studenti maggiorenni, anche non residenti a Bari, iscritti a uno dei poli universitari o scolastici aventi sede nell’area del Comune di Bari. Questi utenti dovranno presentare la documentazione richiesta dal bando, unitamente a una fotocopia di un documento che ne attesti la regolare iscrizione a un corso di studi erogato da uno dei poli universitari o istituti scolastici presenti nel Comune di Bari.
  • lavoratori maggiorenni non residenti a Bari, ma che hanno la sede lavorativa ubicata nel Comune di Bari.

A tal fine si specifica che: per lavoratori si intendono i lavoratori subordinati (contratto a tempo indeterminato o a tempo determinato) e gli autonomi con partita iva; per sede lavorativa si intende la sede legale o operativa del soggetto datore di lavoro presso cui il lavoratore svolge le proprie mansioni o il luogo in cui il lavoratore autonomo ha la sede della propria attività lavorativa.

Il monitoraggio dei chilometri percorsi al fine di ottenere l’incentivo economico verrà implementato tramite un kit tecnologico composto da:

– tool utili ad aumentare la praticità e la sicurezza in bicicletta: luce led di segnalazione, targa catarifrangente, adattatore valvola per gonfiare le ruote dai benzinai, supporto smartphone da manubrio;

– un dispositivo tecnologico Bluetooth da montare sulla ruota della bicicletta, indispensabile per il monitoraggio della propria attività; – app per smartphone (Android versione 6 e successive, IOS) indispensabile per il corretto funzionamento dell’intero sistema.

L’utente che accetta di partecipare al programma dovrà quindi scaricare l’app, registrarsi e installare il kit tecnologico sulla propria bicicletta. L’installazione è semplice e potrà essere eseguita seguendo l’apposita video guida che verrà resa disponibile sul sito del Comune di Bari.

Con Bike To arrivano i premi

bici
L’amministrazione comunale sta definendo anche il nuovo bando per l’acquisto di biciclette (tradizionali o a pedalata assistita), monopattini elettrici e altri dispositivi di micromobilità elettrica

A MUVT in bici quest’anno si associa la misura sperimentale Bike To: un’iniziativa di gamification legata a MUVT in bici che si configura come un ulteriore strumento di incentivazione, nonché un’opportunità di crescita per l’intero territorio comunale.

Bike to è strutturata come un monitoraggio chilometrico (indicativamente trimestrale) non competitivo. Per ciascuna sessione verranno definite delle soglie chilometriche corrispondenti a delle “coppe”: bronzo, argento e oro, a cui saranno associati dei voucher elettronici spendibili presso gli operatori economici della città di Bari che avranno aderito all’iniziativa e si saranno registrate sulla piattaforma Pin Bike.

Nella fase di lancio, con Bike To l’amministrazione comunale ha deciso di sostenere le attività del settore cultura, quindi i voucher emessi potranno essere spesi, per il momento, solo presso cinema, musei, teatri e altri eventi culturali (questi previa richiesta di ammissione alla misura). Queste, infatti, risultano essere tra le attività maggiormente penalizzate dalle misure adottate per contrastare l’emergenza covid19.

Contributi peer chi compra biciclette o monopattini elettrici

Nel frattempo, l’amministrazione comunale sta definendo anche il nuovo bando per l’acquisto di biciclette (tradizionali o a pedalata assistita), monopattini elettrici e altri dispositivi di micromobilità elettrica secondo le stesse modalità di incentivazione del precedente bando.

L’incentivo per l’acquisto delle biciclette è fissato a:

  • € 150 per l’acquisto di un mezzo nuovo di fabbrica
  • € 250 per l’acquisto di un mezzo nuovo di fabbrica del tipo a pedalata assistita o biciclette elettriche L1Ea o altri dispositivi di micromobilità elettrica (es: monopattini elettrici)
  • € 100 per l’acquisto di un mezzo ricondizionato (presso attività specializzate nel settore)

In ogni caso l’incentivo concesso ai soggetti beneficiari non potrà superare il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto.

Articoli correlati