Input your search keywords and press Enter.

Bari, i servizi che ripartono lunedì 18 maggio

Servizio di raccolta porta a porta, strisce blu e il social bag

Da lunedì 18 maggio Amiu Puglia ripristinerà i calendari ordinari dei servizi di raccolta porta a porta – consultabili a questo link – che erano stati modificati e ridotti a causa dell’emergenza da Covid-19.

cassonetti amiu“L’emergenza non è finita – spiega il presidente di Amiu Puglia Sabino Persichella – ora dobbiamo abituarci a conviverci cambiando le nostre abitudini per poter, poi, debellare definitivamente il virus e allontanarlo dalla nostra città. Ringrazio le operatrici e gli operatori di Amiu che, ancora una volta, hanno dato prova di grande responsabilità e capacità continuando a svolgere il proprio lavoro nonostante le preoccupazioni e le difficoltà. Un ringraziamento speciale va anche ai cittadini che, con senso civico e spirito di collaborazione, hanno sopportato numerosi disagi per conservare il valore della raccolta differenziata”.

“Con la fine del lockdown e l’allentamento delle misure di sicurezza – commenta l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli – pian piano stiamo tornando alla normalità. Da lunedì le squadre di Amiu saranno impegnate appieno nella ripresa del servizio di raccolta nelle zone del porta a porta, dove i residenti hanno dimostrato grande maturità e comprensione rispetto alle difficoltà oggettive che hanno segnato la fase acuta dell’emergenza. Per questo desidero ringraziare i cittadini che hanno continuato a comportarsi correttamente rispettando le regole della raccolta differenziata”.

Si ricorda inoltre che da lunedì 18 maggio i rifiuti indifferenziati dovranno essere conferiti nel rispetto degli orari estivi, tutti i giorni dalle ore 18.30 alle 22.30.

Strisce blu

L’amministrazione comunale, in accordo con l’Amtab, informa che da lunedì 18 maggio sarà riattivato il pagamento del tagliando della sosta delle auto nelle aree delimitate dalle strisce blu.

“Social Bag”

L’Assessorato al Welfare rende noto che partirà la prossima settimana la misura “social bag”, finanziata per circa 600mila euro con il PO I FEAD – Fondo europeo aiuto indigenti al fine di garantire beni di prima necessità o altri beni materiali a persone senza dimora o in condizioni di grave marginalità economica e sociale. Si tratta della distribuzione di diverse tipologie di kit (dispositivi di protezione individuale, beni alimentari, prodotti per l’igiene personale, per la prima infanzia, indumenti intimi, kit d’emergenza caldo/freddo) in favore degli utenti in carico ai servizi sociali e accolti nei servizi residenziali quali Case di comunità, Casa delle Culture, alloggio sociale Sole-Luna, oltre che degli utenti del centro diurno Area 51, delle strutture di accoglienza notturne comunali, delle famiglie beneficiarie del servizio dell’emporio sociale di Casa delle bambine e dei bambini, delle persone senza dimora e degli abitanti dei campi Rom cittadini in favore dei cittadini fragili o in stato di improvviso bisogno.

Per disposizioni comunitarie, la consegna delle social bag è vincolata all’adesione, da parte dei beneficiari, a misure di accompagnamento volte a favorirne l’accesso a opportunità e servizi specifici di sviluppo dell’autonomia personale e di empowerment. L’accesso alla prestazione avverrà su segnalazione del servizio sociale professionale.

L’assessore al Welfare Francesca Bottalico

Le misure di accompagnamento consistono in azioni di educativa alimentare e domestica, orientamento socio-sanitario e prevenzione, orientamento legale, sostegno scolastico, segretariato sociale, ascolto e orientamento per le situazioni più gravi, accompagnamento sociale ed economico per donne in gravidanza, neo mamme e  neo genitori nei primi mesi di vita dei bambini.

Grazie a un lavoro di condivisione e confronto con gli assistenti sociali dei Municipi e dell’Assessorato, per ciascuno dei beneficiari già in carico ai servizi sociali sono state individuate sia la tipologia di beni da inserire nelle social bag adeguata ai bisogni rilevati sia le misure di accompagnamento ritenute opportune.

Contestualmente, in via prioritaria, è stata disposta la distribuzione dei DPI agli utenti e agli operatori di tutti i servizi a bassa soglia interessati dalla misura.

“Quella delle social bag e dei percorsi di accompagnamento sono una misura di contrasto alle povertà – dichiara l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – con la quale, nei prossimi sei mesi, stimiamo di poter sostenere circa 700 persone in grave difficoltà economica, sociale e relazionale, contando gli utenti già in carico ai servizi sociali, i nuclei familiari in situazione di sfratto, le comunità rom insediate sul territorio cittadino e le persone senza dimora che attualmente gravitano sulla nostra città. Le misure di accompagnamento, tarate sulle effettive esigenze dei beneficiari, sono state individuate per rappresentare un ulteriore sostegno in vista della costruzione dell’autonomia che è parte integrante del percorso di reinserimento sociale in una forma di patto educativo con cittadini che superi le forme di assistenzialismo promuovendo l’autonomia e l’emancipazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AmbienteAmbienti - il portale dedicato ad ambiente, natura e stili di vita sostenibili. Leggi le news e consulta le rubriche per scoprire tutto sul mondo green. - AmbienteAmbienti è edito da SITEA srl - via Matarrese, 4 – 70124 Bari - tel: 080.9909280 fax: 080.0999335