Input your search keywords and press Enter.

Bari, assemblea di Aqua Publica Europea

Oggi, 23 maggio, si è tenuta, per la prima volta a Bari, l’Assemblea Annuale dell’APE – Aqua Publica Europea. L’associazione delle aziende pubbliche europee del servizio idrico è presieduta da Anne Le Strat (presidente di Eau de Paris).

Aqua Publica Europea raccoglie aziende provenienti da sette Paesi (Francia, Italia, Belgio, Svizzera, Spagna, Germania, Portogallo). A queste si aggiungono cinque associazioni nazionali di operatori pubblici: Aquabru (Bruxelles), Aquawal (wallonia) Aeopas (Spagna), FNCCR (Francia), AIA (Portogallo) e AOW (Germania).

Oltre 50 milioni di abitanti serviti, tra le best practice migliori d’Europa e una fitta rete d’acquedotto che, come una ragnatela sotterranea, unisce Bruxelles e Milano, Bari e Parigi, Verona e Siviglia. La rete di Aqua Publica Europea si è arricchita di recente dell’adesione, per l’Italia, di Uniacque, l’azienda che gestisce il ciclo integrato per Bergamo e provincia e SMAT, che gestisce il ciclo dell’acqua per Torino e provincia, per la Spagna di ulteriori due aziende ed infine, negli ultimi giorni, dell’Associazione Tedesca delle Aziende Pubbliche dell’Acqua, che raggruppa più di 50 aziende pubbliche dell’acqua distribuite su tutto il territorio tedesco.

Nel complesso le aziende aderenti ad APE rappresentano un fatturato che supera i 6 miliardi di euro, che si traducono in cantieri aperti sul territorio per estendere reti, potenziare depuratori e più in generale nella garanzia per i cittadini di avere a disposizione un servizio efficiente, solidamente gestito da operatori pubblici, direttamente controllati dalle istituzioni locali, nell’esclusivo interesse delle comunità servite.

Nel corso dell’appuntamento di Bari è stato nominato il nuovo Consiglio d’Amministrazione, che detterà gli indirizzi dell’associazione per i prossimi tre anni. Ne fanno parte tredici componenti, quattro dei quali in rappresentanza dell’Italia: si tratta di Alessandro Ramazzotti (Presidente CAP Holding), Stefano Cetti (Direttore Generale Metropolitana Milanese), Massimo Mariotti (Presidente di Acque Veronesi) e l’entrante Nicola Costantino (Amministratore Unico di Acquedotto Pugliese).

In assemblea, ampio spazio è stato riservato ai risultati dell’Iniziativa Cittadina Europea sull’acqua. La petizione ha raccolto due milioni di firme, superando con successo i quorum richiesti e obbligando la Commissione Europea a prendere in considerazione le richieste del comitato organizzatore: riconoscere nella legislazione europea il diritto all’acqua e l’astensione da parte delle istituzioni europee da tentativi di privatizzazione dei servizi.

L’assemblea è stata anche occasione per fare il punto sui prossimi passi per promuovere la gestione pubblica dell’acqua, puntando sull’innovazione. Proprio in relazione a questo tema, APE insieme ad altri network è stata selezionata dalla Commissione Europea per la creazione di un action group nell’ambito della European Innovation Partnership on water, di cui ha relazionato il prof. Umberto Fratino del Politecnico di Bari, rappresentante per la Regione Puglia nella apposita task force costituita dalla Commissione Europea.

Nel corso dei lavori particolare attenzione è stata riservata, infine, agli interventi degli esperti dell’ONU Julie Perkins, Faraj El Alwar e Francesco Bicciato che si sono concentrati sul tema della cooperazione internazionale nel settore idrico: come le aziende del nord del mondo possono aiutare quelle dei paesi in via di sviluppo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *