Bari, approvato il progetto verde urbano “Agorà Sant’Anna”

Si tratta di un finanziamento che rientra tra la misura “Rigenerazioni creative”. L’importo è di 31 mila euro

 

È stata approvata la proposta progettuale “Agorà Sant’Anna” nell’area in prossimità di via Mimmo Conenna, finanziata nell’ambito della misura Rigenerazioni creative, promossa dal Comune di Bari a valere su fondi del POC Metro 2014/2020.

L’obiettivo del programma Rigenerazioni creative, in linea con i percorsi di rigenerazione urbana attivi sul territorio comunale, è quello di stimolare il coinvolgimento dei cittadini in percorsi di rigenerazione di aree pubbliche urbane, attraverso dinamiche virtuose, inclusive e partecipative, per favorire la partecipazione di associazioni, comitati e cittadini alla gestione delle suddette aree urbane, percepite sempre più come spazi di relazione. Nel caso specifico del progetto, finanziato per un importo di 31.000 euro in favore della Cooperativa sociale Nuovi Sentieri (capofila), si prevede la cura, la manutenzione e l’attrezzatura di un’ampia area di circa 4800 mq, in cui sorgono giovani esemplari di ulivi nel quartiere Sant’Anna. L’area, di forma allungata, fronteggia il mare da cui è separato dalla linea ferroviaria, e ospita un playground e uno spazio ludico per bambini di recente realizzazione. Il progetto, sviluppato in collaborazione con la Fondazione EPASS che gestisce un centro diurno per minori fragili a pochi passi dall’area oggetto d’intervento, prevede la creazione di orti e giardini, la cui manutenzione sarà a cura dei ragazzi che seguono un percorso di inserimento con la cooperativa, degli ospiti del Centro EPASS e dei residenti del quartiere. Nell’area verde ci sarà spazio anche per la sperimentazione colturale tramite la coltivazione di vari esemplari di finocchietto marino che saranno impiegati in maniera sperimentale per usi officinali in collaborazione con enti di ricerca locali. Infine, tra le aree verdi saranno installati elementi di arredo urbano che renderanno l’area maggiormente fruibile per i residenti del quartiere.

Nell’ambito dello sviluppo del progetto saranno organizzate diverse iniziative e laboratori che vedranno la partecipazione e il coinvolgimento dei residenti del quartiere e dei target coinvolti dalla progettazione. Ci saranno laboratori artistici e artigianali incentrati sulle pratiche di riutilizzo e rigenerazione dei materiali naturali e dei rifiuti, attività ludiche per bambini e di inclusione socio-lavorativa per soggetti svantaggiati con un focus specifico sulla manutenzione e la cura del verde e dell’area pubblica.

«Continua il percorso di Rigenerazioni creative in città, su aree e luoghi che possono rappresentare un valore altro rispetto a quello che sono oggi – commenta il sindaco Antonio Decaro – Della misura originaria, ad oggi circa il 60% dei progetti presentati e approvati sono partiti o stanno partendo, come nel caso della proposta su Sant’Anna. Altri, invece, hanno concluso la fase più strettamente progettuale e oggi continuano ad essere realtà attive nonché punto di riferimento nei quartieri per residenti e visitatori. La nostra intenzione è certamente quella di proseguire con questo lavoro sostenendo tutte le iniziative di partecipazione attiva della cittadinanza alla cura e alla valorizzazione delle aree verdi della città».

Articoli correlati