Bari, a via Caldarola parte il cantiere, si passa da 8 a 4 corsie

Si riducono le carreggiate e aumentano gli spartitraffico centrali  a tutela del verde esistente

 

Per quattro mesi il tratto di via Caldarola tra il torrente Valenzano e il Polivalente si trasformerà in un grande cantiere. Oggetto dell’intervento, la riqualificazione complessiva della grande arteria stradale, che passerà dalle attuali 8 a 4 corsie. Previsto anche un prolungamento della pista ciclabile esistente Il costo complessivo dell’intervento è di circa 1 milione e 500mila euro e rientra  nelle opere di  manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi del municipio I.

La riqualificazione di questo tratto di strada era attesa da tempo perché il traffico veicolare soffre i disagi di un manto stradale alterato e sollevato in più punti dalle radici degli oltre 100 pini ultraquarantennali  che fanno da spartitraffico tra le corsie.

La strada sarà interamente riqualificata con 14mila metri quadrati di nuovo asfalto, come pure i due marciapiedi laterali, con 2.700 metri quadrati circa di nuova pavimentazione in masselli autobloccanti. I lavori interesseranno la porzione stradale di circa 650 metri lineari tra il Torrente Valenzano e il Polivalente. In questo tratto gli spartitraffico centrali passeranno al termine dei lavori da una superficie attuale di 1.700 metri quadrati a una di oltre 4mila, incrementando così lo spazio in cui le radici dei pini potranno svilupparsi minimizzando i pericoli per auto, moto e biciclette. La nuova via Caldarola, quindi, avrà al centro due corsie per complessivi 8 metri di asfalto – una per ogni senso di marcia – senza alcun tipo di confluenza e/o accessi, sarà molto fluida nello scorrimento e affiancata da due complanari monodirezionali, una per senso di marcia, che avranno sul lato destro prossimo alle ampie aree verdi laterali spazi destinati al parcheggio intervallati ogni duecento metri da attraversamenti pedonali con bulbout (cioè un allargamento localizzato del marciapiede), per consentire il collegamento in sicurezza da un lato all’altro della strada e delle rispettive due fasce di verde. Al termine dei lavori sarà anche realizzata la nuova segnaletica orizzontale.

Quanto agli alberi presenti, proprio per tutelarli al meglio,  durante le operazioni di allargamento degli spartitraffico i vecchi strati di pavimentazione direttamente a contatto con le radici degli alberi non saranno intaccati ne tanto meno rimossi, bensì coperti da nuova pavimentazione in modo da non correre alcun rischio di compromettere e/o danneggiare la stabilità dei pini.

Previsti anche lo spostamento delle griglie di captazione delle acque meteoriche perlopiù  in corrispondenza dei cordoli dei marciapiedi, e la predisposizione del nuovo impianto di pubblica illuminazione, che sarà realizzato nell’ambito di un successivo specifico appalto. Verranno installati nuovi pali e corpi illuminanti di circa 4,5 metri, più bassi rispetto agli attuali (il più delle volte coperti dalle chiome degli alberi), che assicureranno una distribuzione più omogenea della luce bianca a led. In più  verranno posati dei cavidotti che in futuro ospiteranno le linee e i collegamenti dell’impianto di videosorveglianza, anche per evitare che, come accade oggi, la strada si trasformi in una pista automobilistica.

«La riduzione delle corsie di via Caldarola da 8 a 4, in realtà, esiste già sperimentalmente da oltre due mesi e da anni anche nel contiguo tratto di via Caldarola tra il canale Valenzano e viale Magna Grecia – commenta l’assessore ai LL.PP. Giuseppe Galasso, che ha effettuato il sopralluogo insieme al  presidente del Municipio I Lorenzo Leonetti, – e non ha creato alcun disagio alla circolazione stradale». Leonetti lo definisce «Un restyling importante che ridisegnerà le carreggiate, i marciapiedi e le stesse abitudini di tanti residenti. Sono sicuro che questa sistemazione sarà molto apprezzata».

Durante i lavori la circolazione non sarà mai interrotta, bensì opportunamente direzionata in base all’evoluzione del cantiere, anche in considerazione dl fatto che nel tratto interessato dai lavori confluiscono 2  correnti di traffico in entrata e in uscita da via Papalia e la zona di San Luca.

Articoli correlati