Bagno con boiler, è la stanza che consuma di più

Da Pexels_boiler
In un anno in bagno il boiler elettrico arriva a consumare anche 1565 kWh (foto Pexels)

Dall’Osservatorio dei consumi di NeN la classifica degli ambienti di casa e degli elettrodomestici più affamati di energia

 

Ci passiamo almeno 200 giorni l’anno facendo la doccia, 3 mesi per il bucato e più di 5 mesi guardando le notizie, come veniamo a sapere dal cortometraggio “Sum”, di Temujin Doran. Il bagno è una delle stanze più vissute della casa, motivo per cui è anche quella che chiede più energia (soprattutto se c’è un boiler elettrico), con un consumo medio annuo che si attesta intorno a 2485 kWh.

È l’immagine che emerge dagli ultimi dati dell’Osservatorio di NeN, la prima EnerTech d’Italia, che ha analizzato i consumi energetici medi per una famiglia di tre persone in una casa di 100 mq (considerando circa 320 giorni passati a casa in un anno). Il risultato finale è una speciale classifica delle stanze più “energivore” della casa, ottenuta analizzando i consumi degli elettrodomestici più comuni presenti in ogni ambiente.

Bagno energivoro

Entrando nel dettaglio, si può vedere come in bagno il boiler elettrico arriva a consumare anche 1565 kWh, guadagnandosi così lo scettro di elettrodomestico con il consumo più alto della stanza che, sommato a quello dell’asciugatrice (390 kWh), del phon (290 kWh) e della lavatrice (240 kWh), mette il bagno in testa alla classifica delle stanze che consumano di più con 2485 kWh totali all’anno.

Il soggiorno non fa paura

Segue la stanza “più vissuta d’Italia”, la cucina, con 938 kWh di consumi complessivi l’anno, divisi tra piastre a induzione (450 kWh), frigo (305 kWh), forno (105 kWh) e microonde (78 kWh).

Chiude il podio con “soli” 730 kWh l’anno di consumi il soggiorno che, nella speciale classifica di NeN, è tutto sommato la stanza meno dispendiosa della casa. Il tutto nonostante la presenza del condizionatore (425 kWh), della televisione (190 kWh), del computer (95 kWh) e della console di gioco (20 kWh), considerando 2 ore al giorno di utilizzo all’anno.

 

 

 

Articoli correlati