Autonomia differenziata, noi ne parliamo così

Il momento dell'approvazione alla Camera del disegno di legge sull'autonomia differenziata (foto facebook)

Una poesia in lingua barese della poetessa Franca Angelillo è il nostro commento all’approvazione alla Camera del disegno di legge sull’autonomia differenziata

 

Vogliamo affrontare la questione dell’approvazione alla Camera del disegno di legge sull’autonomia differenziata non nella solita maniera. Non possiamo che unirci alle tantissime proteste per una decisione passata in maniera troppo rapida, quasi fosse un provvedimento d’urgenza da approvare addirittura con una maratona notturna che si è conclusa ieri mattina poco prima delle 8. Una approvazione che sa tanto di baratto con il sì in Senato del ddl sul premierato e che mostra, per chi non se ne fosse ancora accorto,  come la coesione fra le tre forze del centrodestra si basi sullo “scambio di favori”, magari lasciando a bocca asciutta le richieste di una delle tre.

Non torneremo nemmeno sull’ “indecoroso” – come lo ha chiamato il Presidente della Repubblica Mattarella-  spettacolo di pochi giorni fa, con l’aggressione che si è consumata attorno al tricolore, simbolo di unità nazionale, quel tricolore che ha portato tanti a morire per difenderlo e difendere con esso il Paese dalla violenza di chi ci voleva “calpesti” e “divisi”, come recita anche il nostro inno nazionale. Nessuno si è peritato di togliere dalle mani dei deputati della Lega le tante bandiere separatiste sventolate entusiasticamente al momento dell’approvazione del ddl.  Nessuno.

Franca Angelillo

Vogliamo invece affidarci  a una voce poetica che fotografa con lucidità quello che stiamo vivendo. La voce è quella della poetessa barese Franca Angelillo, che ha una lunghissima esperienza come esperta di dialettologia e compositrice di versi in lingua barese e  italiana, condensati in tre volumi di poesie. Franca Angelillo, che cura anche una seguitissima rubrica di cultura barese su Facebook,  scrisse questa lirica diversi anni fa, eppure le sue parole stu schenguàsse creàte da na poliddeche besciàrde  e na società pìggre e sbarriàte, “questo sconquasso,/creato da una politica bugiarda/e da una società pigra e distratta” sono attualissime e richiamano a ripensare a quello che molti di noi, “società pigra e distratta“, abbiamo permesso.

Buona lettura

ITAGGLIE
Itàgglia mè!
Iì te velèsse angòre, com’a na volde
pertàte nghiànde de mane e respettàte
pe la culdùra tò e la ceveletàte
T’arrecuèrde, dì, tu t’arrecuèrde
quànne u nome tu squagghiàve mmòcche?
e ghedèvene le straniìre…
ca tu l’abbegniìve de mùseche,de iàrte
e l’acchegghiìve sèmbe a fronda iàlde .
Se stonne a reveldà iìnde a la tòmbe
Mazzìne, Cavùrre e Garebbàlde,
c’ havònne fàtte tande p’acchecchiàrte
e mò …te stonne arrète a scheffuà…
Speriàme ca mmènze a stu schenguàsse
creàte da na poliddeche besciàrde
e na società pìggre e sbarriàte
vol’assì ngòcche e iùne asseduàte,
capàsce de mètte tutte cose apposte
e fange annamerà dela Paddria noste!
Ce stà aschennùte iìsse! Fàtte nnànde!
Fàlle abbevèsce arrète chèssa ITAGGLIE!
Traduzione – Italia mia/io ti vorrei ancora come una volta/ ammirata e rispettata da tutti/per la tua cultura e civiltà/Ti ricordi? Dì, ti ricordi quando il tuo nome era dolce?/ed erano soddisfatti gli stranieri/ perché tu li saziavi con la musica e l’arte/ e li accoglievi sempre a fronte alta./Non hanno riposo Mazzini, Cavour e Garibaldi/che hanno fatto tanto per unirti/ed ora ti stanno sfasciando di nuovo,/ Speriamo che in questo sconquasso,/creato da una politica bugiarda/e da una società pigra e distratta/esca qualche persona affidabile/capace di riordinare tutto/e farci di nuovo innamorare della nostra Patria./Se stai nascosto esci! Fatti avanti/Falla risorgere di nuovo questa ITALIA!
(da “Nuove Poesie e Favole di Fedro veldàte a la barèse”ed. Levante)

Articoli correlati