Input your search keywords and press Enter.

Atteso ritorno per il Festival dei Sensi

Un viaggio tra le bellezze di un territorio ricco di cultura, di arte e di storia incastonato nella Valle d’Itria sarà raccontato dal 26 al 28 agosto dal Festival dei Sensi. Piazze, masserie e dimore storiche di Cisternino, Locorotondo e Martina Franca accoglieranno personaggi illustri, protagonisti del panorama culturale italiano e internazionale ospiti in Puglia per la terza edizione del festival promosso anche quest’anno dall’associazione Iter Itria in collaborazione con l’Università degli studi di Bari e il sostegno delGruppo di azione locale Valle d’Itria.

Tanti appuntamenti in luoghi privilegiati eccezionalmente aperti per tre giorni ad un pubblico interessato a riflessioni legate al mondo dei cinque sensi con lezioni a tema tenute da studiosi italiani e stranieri, conferenze itineranti, gite a lenta velocità, esposizioni tattili, biodiversità, re-design delle tradizioni, cibi buoni e tante occasioni per godere della sensualità della Puglia vista attraverso occhi nuovi secondo lo spirito voluto dagli organizzatori della manifestazione. Ospiti dell’edizione 2011 del Festival dei Sensi saranno il grande storico dell’architettura Joseph Rykwert, l’urbanista giapponese Hidenobu Jinnai e il pianista iraniano Ramin Baharami.

Inagurazione a Martina Franca (TA)

Paesologia, arte trullara, la musica di Bach, usi e costumi di Puglia saranno i must della terza edizione del festival che proporrà anche quest’anno il suo format tradizionale che nel corso delle passate edizioni ha richiamato oltre 30 mila visitatori. Saranno riproposte conferenze sul tema dei cinque sensi in location di eccezionale valore storico e architettonico: le masserie e le dimore storiche della Valle dei Trulli. Ai visitatori sarà offerta anche la possibilità di partecipare a visite guidate nei borghi antichi, a passeggiate naturalistiche alla scoperta del territorio, a prendere parte a mostre e proiezioni cinematografiche.

Protagonista indiscusso del Festival dei Sensi sarà ancora una volta il “paesaggio”mostrato da diverse prospettive. Si comincia con lo storico dell’architettura Joseph Rykert che terrà un’affascinante lezione sulla seduzione dei luoghi. A seguire l’appuntamento è con Franco Cassano, docente di Sociologia dei processi culturali dell’Università degli Studi di Bari. Cassano terrà un seminario in “paesologia” con declinazioni che saranno esemplificate dal narratore Franco Arminio i cui versi sono spesso citati da Roberto Saviano.

Lo storico dell’architettura Joseph Rykwert

Il territorio di uno dei più affascinanti angoli di Puglia sarà al centro di tre interventi: Hidenobu Jinnai, profondo conoscitore della cultura italiana e tra i massimi esperti dell’architettura della Valle d’Itria, illustrerà le specificità del luogo e esporrà immagini inedite tratte dal suo archivio; la mostra è curata dagli architetti Lucia Zambrini e Yuta Inamasu. Il maestro trullaro Martino Lodeserto, ultimo rappresentante di una generazione che usava edificare i trulli utilizzando solo le pietre murgiane, terrà un laboratorio e dimostrerà come costruire la “casedda”. Infine l’architetto ed urbanista di fama internazionale e consulente Unesco per le zone aride, la gestione dell’acqua, la civiltà islamica e gli ecosistemi in pericolo Pietro Laureano, introdurrà il tema delle case vernacolari, abitazioni bioclimatiche come i Sassi di Matera, capaci non solo di provvedere al comfort abitativo ma di fondersi con il luogo e il paesaggio. Festival dei Sensi è anche emozioni uditive scandite dalla musica di Johan Sebastian Bach interpretata da Ramin Baharami, uno dei maggiori interpreti contemporanei del compositore tedesco.

Mascotte dell’edizione 2011 sarà un animale molto speciale: l’asino di Martina Franca, razza allevata nella zona della “Murgia dei Trulli”. Alcuni degli esemplari più belli sfileranno a Cisternino il 26 agosto durante la parata di inaugurazione, organizzata in collaborazione con Anamf e l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia. Il festival dedica una sezioni anche ai golosi che non potranno perdere i due incontri con lo chef Pietro Zito, celebre per i metodi di coltivazione del suo orto in cui produce tutto quanto necessario a preparare i suoi rinomati manicaretti. Zito terrà anche un incontro “Dall’orto alla tavola: la grande cucina a km 0”. Mentre Marino Niola, antropologo della contemporaneità, condurrà il pubblico nella visione del film di Ang Lee “Mangiare bere uomo donna” spiegando il fascino del viaggio attraverso le affinità sentimentali che ruotano attorno all’atto del cucinare.

Il programma completo è su www.festivaldeisensi.it.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *