“Asphalt rubber” per strade meno rumorose e più durature

In un Paese come l’Italia, dove oltre il 90% delle merci viaggia su gomma, le infrastrutture viarie svolgono un ruolo nevralgico per il l’efficienza del settore dei trasporti.

Alla Fiera Viatec di Bolzano, biennale dedicata alla costruzione e alla manutenzione delle infrastrutture viarie, proprio la Provincia Autonoma di Bolzano ha presentato un’interessante sperimentazione condotta sulle proprie strade: si tratta di un particolare tipo di asfalto realizzato con gomma ricavata dal riciclo dei pneumatici fuori uso (PFU).

Il polverino di gomma PFU, unito al conglomerato bituminoso normalmente utilizzato per asfaltare le nostre strade, consente di ottenere una pavimentazione che ha prestazioni superiori agli asfalti tradizionali sotto diversi punti di vista come, ad esempio, la durata, la resistenza agli agenti atmosferici e la rumorosità dei veicoli in transito.

Proprio quest’ultimo è stato uno degli aspetti principali che ha spinto la Provincia Autonoma di Bolzano a utilizzare pavimentazioni in asphalt rubber: tutte le fasi di test hanno dimostrato che questo tipo di bitume può rappresentare una valida alternativa all’utilizzo delle barriere acustiche su strade a lunga percorrenza, in quanto non costituisce ostacolo all’attraversamento della carreggiata, non riduce la luce delle abitazioni limitrofe, consente lo spazio per l’accumulo della neve nei mesi invernali e la via di fuga in caso di incidente.

Oltre alla fonoassorbenza, la pavimentazione in gomma vanta una maggiore durabilità e un favorevole rapporto costi/prestazioni rispetto ai bitumi tradizionali, incidendo così positivamente, nel lungo periodo, sui costi dell’intero ciclo vita del manto stradale.

Articoli correlati