Aria pulita a Milano? È in uno spazio indoor

Stefano Mancuso_

Nell’innovativo Headquarter di Green Media Lab installata “La Fabbrica dell’Aria”. Il botanico Stefano Mancuso e l’attore Giovanni Storti presentano la rivoluzionaria installazione a L’Assedio di Daria Bignardi mercoledì 21 ottobre sul canale Nove

Se l’aria più pulita di Milano fosse in uno spazio indoor? Pochi lo sanno, ma alcuni studi hanno dimostrato che l’inquinamento atmosferico negli spazi chiusi supera addirittura quello degli spazi aperti. Per ovviare a questo problema, Stefano Mancuso e PNAT – società multidisciplinare di ricercatori, biologi, designer, ingegneri e architetti – hanno ideato la Fabbrica dell’Aria, un modello che aumenta in maniera esponenziale la capacità naturale delle piante di rimuovere gli inquinanti negli spazi abitativi, commerciali e di lavoro. Una soluzione innovativa, di cui esistono pochissimi esemplari al mondo, e la cui prima realizzazione milanese si trova nella sede di Green Media Lab Srl SB, società che si occupa di supportare le aziende nella progettazione ed esecuzione di strategie di comunicazione e consulenza.

Stefano Mancuso e Giovanni Storti presentano la Fabbrica dell’Aria

L’installazione, a dir poco rivoluzionaria, verrà presentata (in anteprima) durante il programma L’Assedio di Daria Bignardi alle 21.35 di mercoledì 21 ottobre sul canale Nove dall’ideatore Stefano Mancuso. Il botanico di fama mondiale, direttore del Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale, racconterà al pubblico il progetto e la vera e propria realizzazione di questa Fabbrica dell’Aria di dimensioni ragguardevoli.

LEGGUI ANCHE: Le piante in classe! Progetto a Bolzano per una ripartenza “naturale” delle scuole

Giovanni Storti
Giovanni Storti presenterà con Stefano Mancuso l’installazione milanese de La Fabbrica dell’Aria

A fare da spalla al celebre scienziato sarà Giovanni Storti, volto noto del trio Aldo Giovanni e Gicomo, in collegamento proprio dalla Fabbrica dell’Aria all’interno di Green Media Lab Srl SB. Comune ai due l’interesse e la passione per il mondo delle piante e per l’effetto positivo che hanno sulle persone e sull’ambiente, tanto da auto-definirsi con ironia un “contadino responsabile”.

Da questa singolare rete di amicizie e da una reale comunanza di intenti è nato il progetto che ha portato alla realizzazione dell’installazione all’interno dei nuovi uffici della società in Via Tertulliano.

Aria più pulita del 98%

Qualche anticipazione sulla Fabbrica dell’Aria: l’installazione utilizza e migliora la capacità delle piante di assorbire e degradare gli inquinanti atmosferici, operando una vera e propria filtrazione botanica dell’aria. Questo tipo di filtrazione ha peculiarità proprie (gli inquinanti sono scissi dalle attività biologiche e incorporati nella biomassa delle piante) e risultati straordinari: basti pensare che è possibile dimostrare una riduzione degli inquinanti atmosferici del 98%.

Articoli correlati