Aree marine protette connesse per migliorarne la gestione: il progetto di Blue Marine Foundation

Torre Guaceto - Ph.credit Consorzio di Gestione di Torre Guacet-Claudia Amico

Parte in Italia l’ambiziosa campagna che connette 7 aree marine protette. Sardegna, Sicilia, e Toscana. In Puglia c’è Torre Guaceto

 

Proteggere gli habitat e la biodiversità delle acque costiere italiane, abitate da rare specie come lo squalo grigio, l’aquila di mare e la foca monaca. È questa l’iniziativa #Blue4ItalianMPAs lanciata da Charity Blue Marine Foundation (BLUE).

BLUE, grazie anche al sostegno di Fondazione Capellino, SmileWave Fund e Tuscany Environment Foundation (TEF), ha coinvolto un network di Aree Marine Protette (AMP) italiane per sviluppare sette progetti vocati alla tutela del mare, nelle regioni Sardegna, Sicilia, Toscana e Puglia. L’obiettivo finale è quello di migliorare l’efficacia di protezione delle aree marine protette, guardando l’Agenda 2030 come motore primario per la salvaguardia del patrimonio marino italiano.

Le acque italiane sono tra le più ricche in diversità del Mediterraneo. Ospitano infatti circa 14.000 specie marine e il 10% di queste si trovano esclusivamente in Italia. Se ben gestite e ben connesse, le Aree Marine Protette (AMP) possono contribuire fortemente a preservare queste specie, gli ambienti naturali che le ospitano, e a ripristinare gli habitat protetti, mitigando così gli effetti dei cambiamenti climatici.

I sette progetti delle Aree Marine Protette:

Capo Carbonara -Ghost fishing gear (Ambra Messina)

Nell’AMP di Capo Carbonara, in Sardegna, il progetto porterà avanti la rimozione e lo smaltimento delle reti fantasma nella Zona A. Gli attrezzi da pesca vengono persi o abbandonati dai pescatori e costituiscono una fonte significativa di inquinamento per ecosistemi marini cruciali, minacciando le praterie di Posidonia oceanica, una pianta marina in grado di offrire riparo a numerose specie per crescere e riprodursi. Il progetto si propone inoltre di sensibilizzare la comunità e il turismo locali sul tema dell’impatto delle reti fantasma. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Fabrizio Atzori, Direttore dell’AMP di Capo Carbonara.

Capo Caccia – Caves (Ambra Messina)

L’AMP di Capo Caccia, in Sardegna, presenta un complesso di 100 grotte sommerse (tra cui la grotta marina più grande d’Europa denominata Grotta di Nereo), preziosi habitat coralligeni e una variegata fauna marina. Nell’estrema porzione meridionale del promontorio di Capo Caccia saranno installate quattro boe di ormeggio, al fine di regolamentare al meglio le attività di ancoraggio dei centri diving autorizzati ad operare nell’area, salvaguardando anche l’habitat coralligeno adiacente all’ingresso di queste grotte. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Mariano Mariani, Direttore dell’AMP di Capo Caccia e del Parco Naturale di Porto Conte.

Asinara – Fishermen (Ambra Messina)

Il Parco Nazionale dell’Asinara con la sua AMP, in Sardegna, avvierà l’istruttoria per l’aggiornamento di nuovi strumenti gestionali, dei regolamenti interni, e implementerà l’efficacia di conservazione con nuove norme integrative. Verrà inoltre valutata la possibilità di una gestione condivisa dell’intera Zona di Conservazione Speciale (ZCS). Inoltre, saranno implementate le misure di gestione della pesca locale, consentendo il ripristino dell’habitat per le specie autoctone e preservandone così la ricca biodiversità. Infine, saranno attivate collaborazioni con altre marinerie mediterranee per avviare uno scambio interculturale sulle buone pratiche di gestione delle risorse ittiche. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Vittorio Gazale, Direttore dell’AMP dell’Asinara e del Parco Nazionale.

Egadi – Aggregation of Myliobatis aquila in Marettimo. Ph credit Giuseppe Sieli

Il progetto dell’AMP delle Isole Egadi, in Sicilia, mira a diminuire le catture accidentali di squali e razze (elasmobranchi) in via di estinzione da parte della pesca artigianale ed a proteggere delle rare aggregazioni di razze presenti entro i confini dell’AMP. Questi obiettivi verranno raggiunti attraverso campagne di sensibilizzazione e training per pescatori, turisti ed altri portatori di interesse, e mettendo a punto nuove misure di gestione e controllo per aumentare le possibilità di sopravvivenza di squali e razze all’interno dell’AMP. Ci si auspica che questo nuovo approccio possa ispirare e guidare la gestione di altre AMP mediterranee, dove la pesca artigianale non selettiva, le attività turistiche e azioni di tutela coesistono. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Marco Milazzo, Professore Ordinario di Ecologia all’Università di Palermo e responsabile del Laboratorio di Ecologia e Conservazione Marina (MEC) del Dip. di Scienze della Terra e del Mare, ed il progetto è svolto in collaborazione con l’AMP Isole Egadi ed il suo direttore Dott. Salvatore Livreri Console.

Pelagie – Sandbar sharks in Lampione – Ph Credits Rocco Cannella

Nell’AMP delle Isole Pelagie, in Sicilia, il progetto studierà gli effetti del rumore antropico sugli squali grigi che ogni anno in estate si aggregano intorno alla remota isola di Lampione. Il progetto promuoverà una strategia e nuovi protocolli per la gestione del turismo e della nautica da diporto con l’obiettivo di limitare l’impatto dell’inquinamento acustico sugli squali, includendo il posizionamento di boe di ormeggio e la creazione di corridoi di navigazione intorno a Lampione. Attività di sensibilizzazione promuoveranno un turismo responsabile per l’osservazione degli squali in natura. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Carlo Cattano, Dip. di Ecologia Marina Integrata presso la Stazione Zoologica Anton Dohrn e il coordinamento delle attività di comunicazione e l’implementazione del progetto sono a cura della Dott.ssa Elena Principato, Responsabile scientifica dell’AMP delle Isole Pelagie.

Torre Guaceto – Ph.credit Consorzio di Gestione di Torre Guacet-Claudia Amico

Nell’AMP di Torre Guaceto, in Puglia, il progetto si propone di aumentare l’efficacia di protezione dell’AMP scoraggiando attività illegali di pesca a strascico, uno dei metodi di pesca più distruttivi al mondo. A tal fine, saranno posizionati dei dissuasori anti strascico, costituiti da blocchi rimovibili compatibili in cemento sostenibile, lungo il margine esterno dell’AMP, l’area più colpita dalla pesca a strascico illegale. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura del Dott. Alessandro Ciccolella, Direttore dell’AMP di Torre Guaceto.

Tuscan archipelago – Capraia island (Ambra Messina)

Nel Parco Nazionale Arcipelago Toscano il progetto promuoverà lo sviluppo di un piano d’azione gestionale efficace per garantire la corretta protezione del complesso sistema di grotte marine sommerse e semisommerse, habitat prioritari dell’UE, con particolare attenzione alla presenza della Foca monaca, specie estremamente vulnerabile che sfrutta questi habitat per dare alla luce e nutrire i suoi piccoli. Sarà condotta una mappatura del sistema di grotte marine nell’Arcipelago Toscano e saranno monitorati gli avvistamenti di Foche monache, sotto la supervisione scientifica dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Il progetto contribuirà ad aggiornare gli attuali protocolli nazionali per la tutela della Foca monaca, con il coinvolgimento diretto delle parti locali interessate. Il coordinamento scientifico e la progettazione sono a cura di Maurizio Burlando, Direttore del Parco Nazionale Arcipelago Toscano.

Nel lungo termine l’iniziativa #Blue4ItalianMPA intende rafforzare i piani di gestione delle sette Aree Marine Protette italiane, proponendo nuove strategie di conservazione, con obiettivi specifici, misurabili e realizzabili. Il modello mira ad essere replicato in altre aree del Mediterraneo.

Articoli correlati