Input your search keywords and press Enter.

Appuntamento a Ecomondo 2013

Chiude con oltre 84mila visitatori professionali (+11% rispetto allo scorso anno), la 16esima Fiera Internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, Ecomondo, che insieme a Key Energy e Cooperambiente, anche quest’anno conferma Rimini come novembrina capitale della Green Economy italiana. Una crescita anche dal lato dell’internazionalità, con un +10,4% di visitatori stranieri e ottimi contatti con i buyeresteri – oltre 250 acquirenti internazionali per 3.056 business meeting (+25% sul 2011) – provenienti da una ventina di Paesi dov’è in aumento la domanda di tecnologie ambientali.

L'edizione 2012 di Ecomondo ha contato oltre 84mila visitatori professionali

In questa edizione – oltre al consueto appuntamento espositivo-commerciale, presenti oltre 1200 imprese che hanno presentato le proprie soluzioni tecnologiche nei 16 padiglioni di Rimini Fiera e alla parte seminariale con un calendario di 150 eventi e oltre 1000 relatori – ospitati anche gli Stati Generali della Green Economy , un’iniziativa del Ministero dell’Ambiente coordinata dalla Fondazione Sviluppo Sostenibile, preparata per mesi da 39 associazioni di imprese e 1.120 esperti, con più di 1.500 partecipanti, circa 40 relatori e l’esito di 70 proposte di sviluppo per l’economia verde italiana. «Una road map verso lo sviluppo sostenibile e la green economy in Italia che può essere una chiave per uscire dalla crisi», come ha sostenuto il Ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. Una speranza, questa, confermata dal Rapporto “Green Economy per uscire dalle due crisi”, che mostra dati positivi nonostante alcune criticità per l’Italia, dove sono 193 i corsi universitari in economia verde, crescono gli occupati nelle eco-industrie, sono 108mila i lavoratori nel settore delle rinnovabili e più di 4.500 le aziende di agricoltura biologica (il più alto numero in Europa).

«L’Italia può e deve – aveva così salutato in apertura la kermesse il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano– senza ulteriori esitazioni, colmare ritardi rispetto agli standard europei e darsi più validi presidi nella difesa dell´ambiente».

Oltre 1200 imprese hanno presentato le loro soluzioni tecnologiche nei 16 padiglioni di Rimini Fiera

A fargli da eco, l’annuncio congiunto del Ministro all’Ambiente Corrado Clini e del Ministro allo Sviluppo economico Corrado Passera sull’avvio del Conto Termico, 900 milioni di euro per l’efficienza energetica di abitazioni private ed edifici pubblici stanziati dal Governo.

Dal cuore espositivo storico, legato al ciclo completo del rifiuto, fino alle nuove frontiere prospettate dal riuso, è evidente come innovazione e occupazione del settore avranno nei prossimi anni molto da dire all’economia nostrana e al nostro sistema-Paese. Dalla chimica verde con tutto il discorso su bioraffinerie e biomasse per materie prime alternative ai derivati del petrolio (con un mercato europeo di filiera superiore ai 2.000 miliardi e 21,5 milioni di posti di lavoro) alla 6ª edizione della Città Sostenibile, 6.000 mq dove proporre luoghi urbani in sostenibili ed energeticamente efficienti. Per finire ai ben auguranti annunci con cui si anticipa l’edizione di novembre 2013, grazie all’accordo siglato con ANFIA per il ritorno a Rimini di SAL.VE, Salone dei Veicoli Ecologici e l’apertura della sezione KEY WIND, dedicata all´energia eolica, grazie all’accordo siglato on ANEV.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *