Api in declino: Greenpeace ed apicoltori all’assemblea Syngenta

Oggi, 23 aprile, gli attivisti Greenpeace manifestano davanti all’azienda chimica Syngenta a Basilea (Svizzera). Si sta svolgendo, infatti, l’assemblea annuale degli azionisti: compito del sit-in è informarli sulle responsabilità che Syngenta ha nel declino della popolazione di api.

La Casa svizzera commercializza l’insetticida thiamethoxam, neonicotinoide che causa l’intossicazione, e dunque la morte, degli insetti impollinatori. Lunedì 29 aprile, gli Stati membri UE voteranno nuovamente per mettere al bando questo e altri due pesticidi (clothianidin e imidacloprid della Bayer): già lo scorso 15 marzo, diversi Stati si sono opposti all’utilizzo di queste sostanze; durante la votazione non è stata tuttavia raggiunta la maggioranza qualificata.

All’assemblea dei soci Syngenta sono presenti anche alcuni attivisti Greenpeace e i membri del Coordinamento Apistico Europeo. «Questo divieto è un primo passo nella giusta direzione per salvare le api e riaffermare buone pratiche agricole in Europa – ha affermato Francesco Panella, portavoce del Coordinamento Apistico Europeo – I neonicotinoidi sono veleni per l’ambiente che contaminano e si accumulano nel suolo e nelle acque».

Articoli correlati