Anche a Bari parte il Piedibus

“Autisti” e “controllori”, in genere genitori disponibili, accompagnano i “passeggeri”, scolari e alunni, che si aggregano alla compagnia a ogni fermata del percorso che va da casa a scuola, rispettando l’orario prefissato ed eseguono il percorso inverso per ricondurli a casa. I “viaggiatori” indossano ciascuno un gilet rifrangente

Ha raggiunto quasi il quarto di secolo e finalmente è giunto anche da noi: il Piedibus. Il concetto di Piedibus, in inglese  walking bus, nasce in Australia nel 1992, dall’idea dell’ambientalista David Engwichtin.
L’autobus a piedi è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico di “trasporto scolastico” per alunni di elementari e medie inferiori.

Ma come funziona il Piedibus? Con le stesse modalità di un qualunque scuolabus: “autisti” e “controllori”, in genere genitori disponibili, accompagnano i “passeggeri”, scolari e alunni, che si aggregano alla compagnia a ogni fermata del percorso che va da casa a scuola, rispettando l’orario prefissato ed eseguono il percorso inverso per ricondurli a casa. I “viaggiatori” indossano ciascuno un gilet rifrangente.

In Europa il Piedibus è stato introdotto in Danimarca nel 1990 con lo scopo di promuovere l’esercizio fisico nei bambini; in Italia la prima iniziativa di Piedibus nasce nel 2003 a Padova, per espandersi via via in altri comuni del Paese.

A Bari la fase di rodaggio del Piedibus è partita mercoledì scorso 20 maggio vi partecipano oltre 40 bambini e 25 genitori.

«La soddisfazione più grande – racconta la dirigente dell’Istituto Balilla Anna Lea Mazzei – è vedere l’entusiasmo dei bambini che con gioia sfilano per le strade del quartiere, raggiungendo la scuola nei tempi previsti e in sicurezza. La giornata scolastica non inizia con una corsa in auto nel traffico cittadino ma con una sana camminata nel nostro bel quartiere, rubando sorrisi di approvazione a residenti e passanti. Ringrazio i genitori per averci creduto e il gruppo di progetto di elaborazioni.org per il qualificato apporto tecnico».

«Entusiasmo e puntualità stanno caratterizzando il Piedibus a Madonnella – commenta Maurizio Difronzo responsabile de “iBraviPiedoni” di elaborazioni.org -, tutti, grandi e piccoli, hanno accolto con simpatia il progetto, la cui sperimentazione è a costo zero per le casse comunali; puntualità perché qualcosa è cambiato, come dal messaggio della mamma di Frida: “Buongiorno a tutti, che dire… missione compiuta! Anche per Frida, con pioggia favorevole e passaggio a livello in apertura… eureka! I bambini, felicemente addormentati, puntuali come non mai, alle 8.00 erano a scuola! Attendo news per il rientro”».

«Siamo decisamente contenti – continua l’ingegner Difronzo -. Contro lo scetticismo generale, anche a Bari, nel nostro meridione, si può! Possono partire buone pratiche quotidiane di accompagnamento casa-scuola su percorsi sicuri. Può funzionare il network di lavoro con la Pubblica Amministrazione che supporta e facilita tali progetti, sensibilizzando l’opinione pubblica  e venendo incontro ad esigenze di messa in sicurezza delle infrastrutture. Ma, un grazie particolare va all’istituto Balilla, ai genitori e… ai piccoli piedoni».

Lunedì 25 maggio mattina, alle ore 7.50, dunque, appuntamento ai Capolinea delle tre linee di Piedibus attivate (linea A, B e C), con tutti i genitori e bambini di zona e, a seguire, 7.55 e 8.00 nelle successive fermate con gli altri “bravi piedoni” partecipanti al Piedibus.

Giunti a scuola, l’istituto Balilla, alle ore 8.10, ad attendere il Piedibus per l’inaugurazione ufficiale ci saranno il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessora alle Politiche Educative Paola Romano, la dirigente del Comprensivo Balilla-Imbriani Anna Lea Mazzei, la presidente del Municipio 1, Micaela Paparella, la dirigente della Ripartizione P.E.G. Luciana Cazzolla, il dirigente Settore Mobilità del Comune di Bari Claudio Laricchia.

Per l’occasione, lo staff di elaborazioni.org, che ha curato dil progetto sperimentale “iBraviPiedoni… a Madonnella!”, procederà, insieme con le istituzioni, alla nomina del primo “Mobility Manager Scolastico” della Città Metropolitana di Bari: l’insegnante Giuditta Ricciardiello, in qualità di figura referente della scuola per la gestione e l’organizzazione del management del Piedibus nei rapporti con i genitori.

Info e contatti su facebook alla pagina Piedibus a Bari e sul sito di  elaborazioni.org.

Articoli correlati