Amianto sotto il cemento in località Capo Jazzo

Una piazzola realizzata con una colata di cemento occultava uno strato di lastre di eternit (cemento-amianto) e vario materiale di risulta, non smaltiti secondo le vigenti norme ambientali.

La scoperta è stata fatta da personale del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Gioia del Colle (BA), durante un servizio di controllo e tutela del territorio, in una proprietà privata in località Capo Jazzo: precisiamo che l’omonima Masseria ivi ubicata è assolutamente estranea al fatto in questione.

Inoltre, a pochi metri dalla piazzola, era stato realizzato anche il dissodamento del terreno mediante aratura profonda e asportazione e distruzione di essenze naturali spontanee tipiche della zona (querce, perastri, macchia mediterranea e sottobosco).

Per di più, l’area interessata ricade in zona S.I.C. e Z.P.S., denominata “Murgia Alta”, sottoposta a vincolo idrogeologico. Il sito interessato è stato sottoposto a sequestro, già convalidato. Il proprietario è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per violazione della normativa urbanistico-paesaggistica e ambientale.

Articoli correlati