Input your search keywords and press Enter.

Amianto, problema globale per salute ed ambiente

Sono ancora in aumento, nel mondo, le morti per amianto. Lo ricordano i ricercatori dell’Istituto Superiore della Sanità (ISS) che gestiscono il Progetto Amianto. Si legge nell’ultimo numero degli Annali dell’ISS: dalle 90mila morti per tumore polmonare, mesotelioma e asbestosi del 2006 si è passati alle 107mila del 2010, a cui secondo l’International Agency for Research on Cancer (IARC) si dovrebbero aggiungere anche altri tumori come quelli della laringe e dell’ovaio.

La produzione di amianto intanto continua a essere vicina ai 2 milioni di tonnellate all’anno e si concentra in 4 Paesi: Russia, Cina, Brasile e Kazakistan. In questi e in molti altri Paesi del mondo l’amianto è usato in molti settori industriali, diversamente dall’Italia dove invece è vietato dal 1992.

Eliminare l’uso di asbesto e gestirne lo smaltimento sono le uniche vie efficaci per prevenire i danni irreversibili che provoca alla salute, come chiedono da molti anni agenzie internazionali come l’OMS (World Health Organization) e l’ILO (International Labor Organization) in applicazione della Convenzione di Rotterdam del 1998 sul commercio internazionale di sostanze chimiche pericolose.

In questa direzione si sono mossi anche gli estensori della recentissima LR 51/2013 della Regione Toscana. Fra i suoi obiettivi, la promozione di azioni volte alla tutela dai rischi derivanti dall’esposizione all’amianto e l’incentivazione alla sostituzione dei manufatti in cemento amianto.

Il caso amianto riguarda la salute e l’ambiente globale e sottolinea l’intreccio fra aspetti di salute pubblica, ambientali e socioeconomici; richiama l’importanza di approcci interdisciplinari ma soprattutto della cooperazione internazionale. Si auspica un divieto universale di produzione e uso di questo materiale, per far cessare tante malattie e morti.

[fonte: arpat.toscana.it]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *