Input your search keywords and press Enter.

Ambiente e rinnovabili, la Puglia punta al mercato serbo

L’ingresso nell’UE è all’origine della grande espansione del mercato serbo, cui punta la Regione Puglia per promuovere il proprio know-how nel settore dell’ambiente e delle energie rinnovabili. Da oggi al 12 ottobre prossimo si svolgono a Belgrado due saloni fieristici specializzati, Ecofair & Energetika, cui l’Ente pugliese è presente con il Distretto delle Energie rinnovabili e dell’Efficienza energetica e il Distretto produttivo dell’Ambiente e del Riutilizzo, insieme con una delegazione di nove aziende.

È la più importante manifestazione, in Serbia, per l’ambiente, l’energia e le tecnologie sostenibili, un punto d’incontro inperdibile tra domanda e offerta, alla quale la Regione Puglia – Servizio Internazionalizzazione non ha voluto rinunciare. La partecipazione a questi saloni è organizzata grazie al supporto operativo dello Sprint, lo Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese, che ha predisposto un ricco calendario di incontri tra operatori pugliesi e istituzioni serbe.

Dal 2 marzo scorso la Serbia è candidata ufficialmente all’ingresso nell’Unione Europea, per questo riceve ogni anno 200milioni di euro di finanziamenti comunitari che servono per adeguare i processi di ammodernamento delle istituzioni e delle infrastrutture indispensabili per l’ingresso nell’UE.

“Si tratta – spiega la vicepresidente della Regione Puglia e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone – di un mercato nuovo e particolarmente dinamico che, in questa fase di trasformazione, ha bisogno del know-how della Regione Puglia e delle imprese pugliesi. Nei prossimi mesi in Serbia arriveranno anche i fondi IPA per l’assistenza alla transizione, per la cooperazione transfrontaliera, per lo sviluppo regionale, rurale e delle risorse umane. Questo significa che enti e organizzazioni con specifiche competenze in materia, hanno enormi opportunità di collaborazione con le istituzioni serbe. È proprio il caso della Regione Puglia, mentre i distretti produttivi e le imprese hanno la possibilità di presentarsi come partner affidabili e specializzati”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *