Ambiente, “bene” da tutelare già da scuola

World Earth Day Concept. Green Energy, Renewable and Sustainable Resources. Environmental and Ecology Care. Hand Embracing Green Leaf and Handmade Globe

Due concorsi di idee rivolti a studenti per sensibilizzarli e formarli ai temi della bioeconomia e della qualità dell’aria

La bioeconomia circolare spiegata dai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori agli adulti. È l’idea alla base del concorso nazionale lanciato da Re Soil Foundation, in collaborazione con Cluster Spring  che si concluderà il 30 aprile prossimo. Potranno partecipare classi o team di studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo, compresi i loro docenti.

Come si partecipa e con quali elaborati? Gli alunni delle scuole primarie potranno raccontare il loro rapporto quotidiano con la bioeconomia in modo semplice, chiaro e innovativo, attraverso articoli, disegni, rappresentazioni, opere artistiche o video.

Per gli alunni delle scuole secondarie di I grado c’è la possibilità di ideare progetti per spiegare ai compagni e alla famiglia che cosa significa bioeconomia circolare e che cosa sono i prodotti bio-based, attraverso esempi pratici che possano stimolare comportamenti, scelte di acquisto, cambiamenti nelle abitudini quotidiane, stili di vita in linea con i principi della bioeconomia circolare in grado di diminuire l’impatto dell’uomo sull’ambiente e gli sforzi nella lotta al cambiamento climatico. Gli studenti più grandi, che frequentano le classi delle secondarie di 2° grado, avranno la possibilità di scegliere se presentare un bio-prodotto che risponda a un particolare problema ambientale e che consideri l’intero ciclo di vita del prodotto stesso, dall’utilizzo di materie prime di origine biologica, alla produzione in chiave sostenibile, che si chiude con un fine vita in grado di recuperare in maniera circolare il materiale. Oppure potranno raccontare, attraverso video o altro materiale multimediale. Insomma, spazio alla creatività. Il 2 marzo dalle 17.00 alle 18.30 verrà organizzato un webinar introduttivo al concorso. Ecco il link per accedere: resoilfoundation.org/attivita/concorsobioeconomy4you.

LEGGI ANCHE: Torna Log@Ritmi, ed è subito scienza

Liquigas, un progetto per la qualità dell’aria

Al via la nuova edizione di “1,2,3… Respira”, il primo percorso educativo che ha l’obiettivo di creare maggiore conoscenza e consapevolezza sui temi della qualità dell’aria e delle fonti energetiche disponibili. Liquigas, società leader in Italia nella distribuzione di GPL e GNL, conferma così anche per quest’anno scolastico il proprio impegno a favore dell’educazione delle giovani generazioni.

Circa 100mila studenti hanno partecipato alle tre edizioni precedenti con progetti sull’inquinamento e sulle fonti energetiche disponibili.

Anche in questo caso, spazio alla creatività: gli studenti potranno scegliere come rappresentare la propria idea di futuro, con progetti grafici, storie e racconti elaborati con l’insegnante di Italiano, oppure creando canzoni.

Le scuole delle classi vincitrici avranno a disposizione buoni spesa per l’acquisto di materiale e strumenti didattici utili ad arricchire l’offerta formativa.

L’impegno di Liquigas si fonda su dati concreti: l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha stimato che nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha continuato a causare un numero significativo di decessi prematuri. Secondo le recenti stime dell’Agenzia circa 307.000 persone sono decedute prematuramente a causa dell’inquinamento da particolato fine in UE nel 2019: il 58% di questi decessi (circa 178.000 persone) si sarebbe potuto evitare con un’aria più pulita.

 

 

 

Articoli correlati