Input your search keywords and press Enter.

Amazzonia: sospiro di sollievo?

Cala il disboscamento nell’Amazzonia brasiliana. Nel settembre scorso si è registrata una diminuzione del 43% del fenomeno, rispetto al settembre del 2010. La conferma arriva dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (Inpe), che tiene sotto controllo la regione amazzonica con due satelliti del Ministero dell’Ambiente di Brasilia. Secondo i dati raccolti dalle osservazioni spaziali, l’area devastata in settembre è stata di 258 km quadrati, rispetto ai 447 del settembre 2010. Quasi la metà del disboscamento è stato rilevato nello stato del Mato Grosso, che da anni è in vetta alle classifiche della devastazione ambientale assieme al Parà. I dati annuali della deforestazione in Amazzonia per il 2011 sono abbastanza incoraggianti, con una riduzione media del 31% rispetto al 2010 e del 39% rispetto alla media degli ultimi dieci anni. Stime tuttavia non condivise da ambientalisti e scienziati, che ritengono sia in atto una situazione peggiore di quella descritta dall’Inpe. Questo perchè i satelliti non riescono a evidenziare zone disboscate inferiori ai cinque ettari, e buona parte del disboscamento è imputabile a piccoli proprietari che abbattono meno di cinque ettari di foresta alla volta. Sono spesso anche i grandi fazendeiros ad utilizzare questa tecnica e a disboscare piccoli appezzamenti alla volta per evitare di essere scoperti.

Print Friendly, PDF & Email