ALL4CLIMATE: i Carabinieri a tutela della sostenibilità

A Milano, il 29 e il 30 settembre 2021 nel Museo di Storia Naturale e nel Parco Civico di Storia Naturale la Benemerita parlerà di ambiente

 

Anche i Carabinieri partecipano al contest ALL4CLIMATE, appuntamento preparatorio della COP26 di Glasgow e dedicato interamente ai giovani, con una serie di iniziative programmate a Milano per i giorni 29 e 30 settembre.

Il 29, nel Museo Civico di Storia Naturale alle ore 9:30, sarà organizzato un convegno dedicato alla presentazione della Sintesi dei risultati del terzo Inventario Forestale Nazionale e dei serbatori di Carbonio (INFC2015) relativo alle attività di rilevazione dei dati qualitativi e quantitativi delle foreste, compito affidato dalla legge ai Carabinieri Forestali.

La sottrazione e l’immagazzinamento dei gas ad effetto serra, in particolare della CO2, fanno delle foreste dei magnifici strumenti naturali di regolazione del clima e mitigazione dei cambiamenti climatici.

Alle ore 14:30 del 29, al Museo Civico di Storia Naturale, sarà dato ampio spazio ai giovani con il workshop dedicato al progetto LIFE ESC360, che ha offerto a 360 volontari, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, la possibilità di partecipare attivamente alla conservazione del nostro patrimonio ambientale attraverso il monitoraggio di invertebrati, anfibi, uccelli, mammiferi di interesse comunitario, all’interno delle Riserve Naturali Statali gestite dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità.

Il progetto ESC360 cofinanziato dal programma Life dell’Unione Europea, si inserisce nelle iniziative del Corpo Europeo di Solidarietà e vede tra i suoi partner, il CREA, la D.R.E.Am. – Italia, oltre alla collaborazione con l’ISPRA e il Ministero della Transizione Ecologica.

Tra gli obiettivi quello di creare un sistema integrato di monitoraggio della biodiversità attraverso l’applicazione di protocolli standard all’interno delle aree di studio per gli habitat forestali e montani.

Nel programma sono stati inseriti argomenti di interesse trasversale tra cui le Direttive Habitat, le Direttive Uccelli e Rete Natura 2000, principi di biologia, ecologia e tassonomia, gestione e conservazione delle foreste, teoria del monitoraggio, oltre ad argomenti specialistici per le mansioni che andranno a svolgere i volontari sul territorio.

Con i volontari e tanti ospiti internazionali saranno valutate le azioni e illustrate le prospettive di questo progetto che guarda al futuro dei giovani e della tutela ambientale.

Il 30 mattina dalle 9:30 al Museo civico di Storia Naturale continuano le illustrazioni delle best practices proposte ai giovani con il convegno in diretta streaming con tanti studenti italiani dedicato al progetto Un albero per il futuro, promosso dai Carabinieri della Biodiversità e il MITE e rivolto a tutte le scuole italiane.

Il progetto prevede la messa a dimora di piccoli alberi donati dai Carabinieri della Biodiversità agli studenti che provvederanno alla loro cura. Il sito dedicato al Progetto www.unalberoperilfuturo.it mostra ogni giorno i progressi in termini di stoccaggio di carbonio, il numero di alberi messi a dimora e tutte le scuole coinvolte.

Il progetto, inoltre, si è arricchito con un grande protagonista: l’albero del giudice Giovanni Falcone.

Le gemme dell’albero, simbolo di legalità e libertà, sono state prelevate e duplicate dagli esperti del Centro Nazionale Carabinieri per la Biodiversità Forestale di Pieve Santo Stefano (AR). I piccoli alberi di Falcone potranno essere richiesti dalle Scuole Italiane a testimonianza dell’impegno di tanti studenti per la giustizia e la tutela ambientale.

Sono circa un migliaio le scuole che hanno richiesto di aderire al progetto e 50mila le piante in distribuzione, l’Italia germoglia grazie al desiderio di fare un gesto concreto per contrastare i cambiamenti climatici, testimoniare l’amore per la natura e la legalità ambientale.

Il 30 settembre sarà, infine, possibile sperimentare la conoscenza ambientale e le tante attività svolte dai ricercatori e dai Carabinieri forestali grazie al villaggio della Biodiversità organizzato presso i Giardini Montanelli, dalle 9 alle 18.

I partecipanti, accompagnati nelle loro esplorazioni da esperti del mondo scientifico e universitario e dal personale dei carabinieri forestali, potranno cimentarsi con il monitoraggio e rilevamento dei parametri ambientali delle foreste e dell’Inquinamento Atmosferico ma anche scoprire i segreti delle Riserve Naturali dello Stato, degli alberi e dei loro servizi eco-sistemici che sono l’habitat ideale di tanti animali rari e magnifici.

Articoli correlati