Input your search keywords and press Enter.

Al via Cresco Award Città sostenibili

Sono aperte le candidature per il CRESCO AWARD Città Sostenibili, realizzato dalla Fondazione Sodalitas con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI).

L’iniziativa si propone di valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani e premiare le iniziative più efficaci nel promuovere in modo diffuso lo sviluppo sostenibile dei territori. Il riconoscimento rientra nel contesto della campagna europea “Sustainable living in cities”, promossa in Italia da Fondazione Sodalitas come partner nazionale di CSR Europe.sostenibilità

I Comuni possono candidare progetti sviluppati nelle categorie: sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Le candidature saranno valutate da una Giuria indipendente e multistakeholder, presieduta dal Rettore del Politecnico di Milano, Giovanni Azzone. Il Bando resterà aperto fino alle ore 13.00 di giovedì 15 settembre 2016.

Lo scenario mette in evidenza che i cittadini sono sempre più sensibili alla sostenibilità del territorio in cui vivono. “Il 90% degli italiani appare consapevole dell’importanza di contribuire allo sviluppo sostenibile dei territori e l’82% di loro indica nelle amministrazioni locali, che si collocano al secondo posto dopo il Governo, i soggetti chiamati a impegnarsi per raggiungere questo obiettivo”, ha osservato Paolo Anselmi, Vicepresidente GfK.

L’Italia è un Paese in cui l’orizzonte smart sembra finalmente possibile.“I Comuni italiani investono già oggi su questo fronte 3,7 miliardi di Euro per realizzare 1.300 progetti che coinvolgono 15 milioni di cittadini. Una base, questa, da cui partire per fare ancora di più ”, ha dichiarato Elisa Filippi, Project officer di ANCI, presentando i dati dell’Osservatorio Nazionale Smart City. La Green Economy è d’altra parte per l’Italia una leva rilevante di vantaggio competitivo. Lo dimostrano gli indicatori di resource efficiency a livello europeo. La scarsità di materie prime ne ha razionalizzato l’uso: il sistema di incentivi e disincentivi disegnato dal nuovo Collegato ambientale può rafforzare ulteriormente questa vocazione nazionale” ha affermato Edoardo Croci, Coordinatore Osservatorio Green Economy, IEFE Università Bocconi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *