Input your search keywords and press Enter.

Agroenergie: la sfida possibile

Un taglio di 40 milioni di tonnellate di Co2 raggiungibile entro i prossimi 9 anni. Un traguardo possibile grazie all’impiego delle agroenergie, secondo quanto emerge dal workshop ‘De re rustica: Energia, Innovazione e Governance‘, promosso dall’Enea. Una potenzialità recepita in parte dal Piano d’azione nazionale per l’energia rinnovabile 2010 del Governo, che prevede di fa arrivare dalle filiere della biomassa agricola il 45% di tutta l’energia pulita prodotta entro il 2020. Inoltre l’Enea, già responsabile del Piano d’azione efficienza energetica, ha individuato in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole una serie di interventi, basati essenzialmente sull’efficienza energetica e sull’energia da biomasse, che consentono di integrare il reddito economico delle aziende agricole, e allo stesso tempo, favoriscono l’occupazione e la nascita di nuove professioni, i cosiddetti green job. Gli interventi individuati per il sistema agricolo riguardano l’ottimizzazione energetica ed ambientale dei sistemi serra e delle produzioni biologiche, la riduzione degli sprechi alimentari, l’applicazione delle coperture vegetali agli edifici e la produzione di energia da biomassa.

Print Friendly, PDF & Email