Agricoltura 4.0: con Agropad IBM test chimici a portata di smartphone

AgroPad è uno strumento di Agricoltura 4.0 per i piccoli agricoltori. Un sistema di intelligenza artificiale cataloga e confronta i test chimici su acqua e terreno

I piccoli coltivatori stanno conquistando fette sempre più ampie del mercato agricolo, un mercato molto attento non solo alla qualità degli ortaggi, ma anche alla sostenibilità ambientale delle coltivazioni.

L’uso massiccio di fitofarmaci e fertilizzanti chimici sta lasciando il posto all’Agricoltura 4.0 o agricoltura di precisione. I piccoli coltivatori si servono di software semplici e dal costo contenuto, che elaborano dati ambientali, climatici e colturali in maniera rapida e accurata. Anche attraverso uno smartphone, il coltivatore può valutare lo stato di salute dei terreni, ottimizzare l’uso di fitofarmaci e dell’acqua irrigua, individuare luoghi e tempi propizi alla coltivazione.

LEGGI ANCHE: Meteorologia e “agricoltura di precisione”

IBM per l’Agricoltura 4.0: nasce AgroPad

AgroPad IBM coniuga l’affidabilità dei test chimici su carta, la praticità dello smartphone e l’elevata ricettività cromatica dell’intelligenza artificiale

Gli informatici IBM in Brasile hanno realizzato il primo prototipo di AgroPad. L’applicazione per smatphone riduce tempi e costi delle analisi chimiche, consentendo i campionamenti sul posto e restituendo i risultati in tempo reale.

AgroPad può analizzare campioni di acqua o terreno, misurando pH, biossido di azoto, alluminio, magnesio e cloro. Il campionamento avviene su carta dotata di un chip e di reagenti colorimetrici. Un sistema di intelligenza artificiale osserverà il campione attraverso la telecamera dello smartphone. L’algoritmo, assicura IBM, restituisce risultati più affidabili rispetto ai test basati solo sulla visione umana.

IBM AgroPad: già pronti scenari di sviluppo di agricoltura 4.0

I primi test dell’applicazione AgroPad sono partiti nei primi mesi del 2018. IBM ha già in cantiere nuove estensioni dell’applicazione, che coniugano l’affidabilità dei test chimici su carta, la praticità dello smartphone e l’elevata ricettività cromatica dell’intelligenza artificiale.

Gli esperti, infatti, sono al lavoro per ampliare la gamma dei indicatori chimici a disposizione degli agricoltori. AgroPad, inoltre, permetterà anche la conservazione in cloud delle analisi effettuate. L’identità di intelligenza artificiale, assicurano i ricercatori, confronterà i campioni archiviati, evidenziando anche i cambiamenti più impercettibili dalla vista umana.

L’archiviazione digitale in cloud, concludono gli esperti di IBM, consentirà una condivisione immediata dei dati. I piccoli agricoltori potranno fornire contributi importanti per studi sulla qualità dell’ambiente e sulla salute dei terreni. Il confronto di milioni di test può rilevare la concentrazione di concimi in una particolare area geografica: un dato essenziale per progettare azioni contro l’inquinamento dei terreni.

 

Articoli correlati