Acqua contaminata da batteri e plastica

Salute a rischio. scoperte microplastiche nelle acque di tutto il mondo e ritirati alcuni lotti di acqua effervescente naturale contaminata da batteri pericolosi. Acqua contaminata anche nei supermercati pugliesi?

Un altro duro colpo alla salute pubblica. L’inquinamento dell’aria, dell’acqua, del suolo e dei cibi che mangiamo si manifesta nel nostro corpo attraverso malattie che possono interessare l’organismo in tutte le sue parti e che nelle infezioni più serie possono portare anche alla morte.

Plastica nell’acqua = acqua contaminata

acqua
Secondo l’agenzia di stampa Orb Media,l’acqua potabile di tutto il mondo è contaminata da microfibre di plastica 

Nelle scorse settimane si è discusso ampiamente della scoperta di microplastiche in tutte le acque del mondo. La ricerca, che è stata svolta dall’agenzia di stampa statunitense Orb Media, ha analizzato 159 campioni di acqua potabile provenienti da tutto il mondo, scoprendo che nell’83% dei casi l’acqua è contaminata da microfibre di plastica.

Nel dettaglio, gli Stati Uniti hanno il tasso più alto di contaminazione, il 94%, insieme al Libano. A seguire, l’India con l’82%, l’Uganda con l’81%, l’Indonesia con il 76%, l’Ecuador con il 75% e l’Europa con il 72%. Le nazioni europee con le acque più “pulite” sono il Regno Unito, la Germania e la Francia.

Mediamente, il numero di microfibre riscontrato in un campione da 500 ml varia da 4.8 negli Stati Uniti a 1.9 in Europa.

La plastica, ora è ufficiale, ha una parte essenziale della nostra alimentazione, in quanto la introduciamo nel nostro organismo quotidianamente con il cibo e con l’acqua.

Dopo questa sconcertante scoperta e premessa, non dovremmo stupirci se la nostra salute è nuovamente minata da un batterio nell’acqua potabile.

Acqua contaminata da batteri nocivi

Dopo la “scoperta” dell’acqua alla plastica, in questi giorni il Ministero della Salute ha diramato una comunicazione relativa al ritiro di alcuni lotti di Acqua Effervescente Naturale Cutolo Rionero ed Acqua Effervescente Naturale Blues per sospetta contaminazione da batterio.

acqua minerale
I lotti di acqua effervescente naturale a rischio contaminazione sono stati distribuiti in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria

Durante alcuni controlli è emerso che i parametri relativi al batterio Pseudomonas aeruginosa hanno superato i limiti imposti dalla legge. Per questa ragione è stato disposto il richiamo dei lotti dai supermercati ed è stato chiesto ai consumatori di riportare le bottiglie sospette ai punti vendita. I lotti interessati sono stati distribuiti in Campania, in Basilicata, in Puglia ed in Calabria.

Il batterio Pseudomonas aeruginosa

Si tratta di un batterio molto virulento presente in acqua, sul suolo e nell’ambiente ospedaliero. I soggetti più a rischio di infezioni sono i pazienti immunodepressi, ovvero con ridotte difese immunitarie. Può provocare infezioni polmonari, infezioni cutanee e delle vie urinarie, infezioni dell’orecchio e dell’occhio, batteremia ed endocarditi. La terapia è molto difficile perché il batterio è resistente a molti antibiotici ed è difficile debellarlo perché resiste a molti disinfettanti.

Insomma, un’altra piaga dopo il fipronil nelle uova e le microplastiche nell’acqua, solo per ricordare gli ultimi “avvenimenti”. Se da un lato i sistemi di controllo risultano efficaci e puntuali, i continui allarmi e le minacce alla salute pubblica condizionano pesantemente l’alimentazione e la vita delle persone.Stiamo pagando caro i danni fatti in passato; le tante malattie anche gravi lo dimostrano, ma forse con un po’ di buonsenso e con tanta ricerca si potrebbero evitare molti “problemi”.

LEGGI ANCHE: Uova contaminate, Puglia in prima linea per una soluzione efficace

Articoli correlati