Input your search keywords and press Enter.

A Rutigliano vince la città con il porta a porta

Questa scheda spiega come e dove conferire i vari tipi di rifiuti

“Siamo ad una svolta epocale nella gestione dei rifiuti nel territorio di Rutigliano (….)”. Inizia così la lettera, sottoscritta dal sindaco e dal comandante dei vigili urbani, inviata a tutti i cittadini di Rutigliano per informarli sulla partenza del nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta. L’Amministrazione Comunale in collaborazione con una ditta che gestisce nella cittadina l’igiene urbana ha deciso di adottare questo nuovo sistema di raccolta differenziata più moderno ed efficace puntando sul fatto che circa il 75% dei rifiuti che produciamo quotidianamente può essere riciclato e rigenerato, evitando di smaltire i rifiuti direttamente in discarica.   Il sistema di raccolta dei rifiuti finora utilizzato cambierà radicalmente: con l’eliminazione dei cassonetti stradali ogni famiglia e utenza commerciale avrà a disposizione quattro bidoncini per differenziare i rifiuti che saranno collocati ordinatamente all’esterno rispettando i giorni e gli orari stabiliti. Insieme ai contenitori verrà fornito un kit fatto da buste, pieghevole, calendario con informazioni utili sul nuovo servizio e la scheda dei rifiuti.

Come si fa – La macchina organizzativa delle attività preliminari alla partenza della raccolta differenziata porta a porta è partita con la formazione di una ventina di giovani “facilitatori ambientali” i quali hanno già effettuato una campagna di informazione e sensibilizzazione in giro per il paese e in questi giorni stanno provvedendo alla distribuzione delle quattro pattumelle (organico, plastica-alluminio, carta, indifferenziato) presso le utenze domestiche e esericizi commerciali. I giovani facilitatori hanno seguito un corso tenuto da una società di consulenza ambientale  che ha fornito nozioni base del rifiuto, ha trattato i diversi flussi di gestione dei rifiuti e la gestione integrata degli stessi così da poter essere pronti a informare i cittadini con i quali si interfacceranno. La fase successiva è l’avvio ufficiale della raccolta domiciliare prevista per il 1° novembre. Per ogni tipo di informazione e perplessità è stato messo a disposizione dall’appaltatore un ufficio permanente, l’ “Ecoteca”, presso cui i cittadini potranno rivolgersi per qualsiasi informazione e comunicazione relative al servizio di igiene e raccolta differenziata, una sorta di ufficio relazioni col pubblico. L’intento è rendere Rutigliano la prima città in Puglia per pulizia, rispetto per l’ambiente, sostenibilità nella gestione dei rifiuti con la conseguenza di aumentare il più possibile la percentuale di raccolta differenziata portandola dal 7% attuale almeno fino al 65%, in modo da avere la possibilità di una riduzione della tassa rifiuti.

Il kit di bidoncini distribuiti ai cittadini di Rutigliano

Come ha reagito la cittadinanza? – Come tutte le cose nuove l’informazione viene recepita ma non immediatamente appresa. Come ogni novità ha bisogno del suo tempo per entrare in circolo. In questa fase di start-up l’iniziativa ha riscontato entusiasmo e curiosità anche se non mancano atteggiamenti scettici che sollevano dubbi e riserve sul funzionamento ottimale di un tale sistema. C’è il rischio di atti vandalici sui bidoncini lasciati per strada; ci sonole difficoltà che potrebbero riscontrare gli anziani. Ma per tutto ciò si fa appello a un grande senso civico; alla cittadinanza viene chiesto un gesto di responsabilità e ogni cittadino è chiamato ad una nuova e stimolante sfida. In ogni modo, la ditta si propone di essere sempre presente sul territorio a supporto dell’iniziativa perché i cittadini hanno bisogno di continue informazioni ma anche di rassicurazioni in merito a come svolgere la raccolta differenziata e a quelle che sono le conseguenze del loro sforzo, cioè dove vada a finire il rifiuto e se effettivamente ci saranno dei vantaggi economici e ambientali.

La città di Rutigliano punta a passare dal 7% al 65% di rifiuti ottenuti dal "porta a porta"

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *