Input your search keywords and press Enter.

A Roma è in arrivo il “plotone verde” dei taxi elettrici

Le vetture ecologiche del 3570 lasciano il garage della cooperativa taxi

A Roma è già partito il conto alla rovescia. Con l’arrivo del 2013, infatti, le strade della Capitale saranno investite dal progetto “Via col verde”, cioè da quella che si preannuncia come una vera e propria rivoluzione nel segno della green energy. Fautrice di questo cambiamento è la cooperativa di trasporto pubblico non di linea “radiotaxi 3570”, la quale, sfruttando energia ecocompatibile, metterà in circolazione un plotone verde costituto dai primi taxi elettrici alimentati esclusivamente dall’energia pulita prodotta da una centrale fotovoltaica di ultimissima generazione che ad essi è collegata. Il primo “plotoncino” che circolerà quotidianamente tra le glorie antiche della città romana sarà composto da venti autovetture alimentate ad energia solare: sono attese per l’inizio del prossimo anno con i primi test su strada.

Il sindaco di Roma Alemanno mostra il simbolo dell'alimentazioine elettrica come elemento non contaminante

L’iniziativa “Via col verde”si inserisce nel tessuto sociale romano come una costola del progetto “Roma sceglie sostenibile”. La cooperativa “3570” è stata la prima in Italia e in Europa a dotarsi di un importante – per produzione e dimensione – impianto fotovoltaico in grado di alimentare, oltre ai taxi, anche le strutture gestionali cui fa capo tutta l’azienda: dalla centrale operativa agli uffici amministrativi, dal laboratorio tecnico all’impianto di autolavaggio, comprese tutte le attività accessorie della cooperativa. Scegliere un taxi elettrico sarà facile: a rendere immediatamente riconoscibili a residenti e turisti le vetture ecocompatibili sarà il tettuccio interamente dipinto di verde. L’obiettivo a breve termine prefissato dalla cooperativa di radiotaxi è quello di mettere in circolazione, dopo il rodaggio su strada, fino a cinquanta taxi elettrici, ciascuno dei quali potrà contare su un’autonomia di circa 150 km “a pieno”.

Il presidente di 3570 Bittarelli inaugura l'impianto lo scorso 23 luglio

La stazione di servizio per i «taxi del futuro», come li ha ribattezzati il sindaco Alemanno, sarà costituita da una serie di colonnine per la carica delle automobili collegate a pensiline rivestite di pannelli solari.

L’impianto fotovoltaico che servirà l’intero sistema di gestione della cooperativa è stato inaugurato alcune settimane fa, dal primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno, nella sede della cooperativa in via del Casal Lumbroso. L’impianto, del peso complessivo di 55 tonnellate, è stato completamente finanziato da sponsor privati per una spesa complessiva di circa 700mila euro; un investimento importante, certo, ma che potrà garantite notevoli risparmi sia da un punto di vista economico sia in termini di impatto ambientale: a pieno regime, infatti, sarà in grado di produrre 130 kw/ora permettendo di risparmiare 189.970 kg di emissioni di anidride carbonica all’anno (il dato è calcolato sull’attività media quotidiana di 20 taxi). Si tratta, precisano dalla cooperativa “3570”, di un progetto innovativo, in grado di collocare il servizio taxi – fondamentale per le grandi città – in una posizione di avanguardia per l’intero Paese, una progettualità coraggiosa che investe nell’energia del futuro.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *