Input your search keywords and press Enter.

A Foggia l’Assemblea Generale dell’Associazione Europea Vie Francigene

Sabato 19 ottobre si terrà a Foggia l’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. L’evento si svolge nell’ambito delle iniziative del Buy Puglia, borsa del turismo organizzata da PugliaPromozione.

All’assemblea parteciperà la rete delle Regioni francigene dell’itinerario di Sigerico (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana e Lazio). Al loro fianco, le Regioni interessate allo sviluppo verso sud ( lo stesso Lazio, Molise, Campania e Puglia), invitate formalmente per la prima volta a seguire i lavori assembleari.

I lavori saranno aperti da Silvia Godelli, assessore della Regione Puglia al Mediterraneo ed al Turismo. «Stiamo percorrendo con grande impegno un indirizzo culturale e turistico che intende valorizzare la nostra terra quale meta del turismo spirituale internazionale – dice l’assessore Godelli – un percorso che ci ha portati ad aderire all’Associazione Europea e a proporre per i Monti Dauni un Progetto di Eccellenza Turistica dedicato alla Via Francigena, proprio per iniziare a infrastrutturarne il tracciato».

L’Associazione AEVF, rete portante (Reseau Porteur) del Consiglio d’Europa, con l’appuntamento del 19 ottobre va dunque speditamente verso il cambiamento del Statuto necessario ad accogliere le regioni interessate dal tracciato che guarda a Gerusalemme. Un risultato che risponde alle esigenze espresse dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo, per avviare il riconoscimento formale delle Vie Francigene d’Europa in direzione dell’Oriente e del Mediterraneo.

L’inclusione della Puglia nell’itinerario della Via Francigena fa seguito allo scambio epistolare tra il presidente della Regione Vendola ed il ministro dei Beni Culturali Massimo Bray. Quest’ultimo ha assicurato l’impegno del Governo Italiano nel promuovere a tutti i livelli il riconoscimento ufficiale del tracciato meridionale, presso l’Accordo Parziale Allargato tra Commissione Europea e Consiglio d’Europa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *