Input your search keywords and press Enter.

A Bari è guerra alle cicche

È partita oggi la campagna di sensibilizzazione del Comune di Bari e dell’Amiu per mantenere pulite le spiagge comunali di Pane e Pomodoro e Torre Quetta. Si stima che in Italia, a causa di una cattiva abitudine, ogni anno 72miliardi di cicche di sigarette finiscono a terra, sulle spiagge e in mare (fonte Istituto Superiore Sanità); messe tutte insieme su una bilancia peserebbero 21.600 tonnellate. Peraltro il 40% del volume dei rifiuti recuperato nel mar Mediterraneo è composto proprio da filtri di sigarette. Secondo un’indagine promossa da Focus, ogni metro quadro di spiaggia contiene in media 2 mozziconi.
Il danno all’ambiente è ancor più grave perché un mozzicone, per essere smaltito, impiega da 1 a 5 anni di tempo, anche quando viene gettato in acqua.
Attraverso le campagne di sensibilizzazione e di informazione rivolte a tutti i cittadini, l’Amministrazione comunale desidera che i cittadini diventino i primi custodi degli spazi della propria città. Ed è per questa ragione che l’Amiu (l’Azienda Municipale Igiene Urbana) ha deciso di regalare ai fumatori un contenitore portacicche. Il contenitore portacicche è in plastica, tascabile, lavabile e riutilizzabile. Può contenere mozziconi spenti, ma anche gomme da masticare e rifiuti di piccole dimensioni.
A partire da questo pomeriggio, sino a venerdì 10 agosto, una squadra di operatori ecologici consegnerà il contenitore ai bagnanti. Contestualmente gli agenti della Polizia municipale di Bari spiegheranno ai baresi che gettare le cicche per terra o in spiaggia è una condotta sanzionabile con una multa fino a 500 euro (art. 16 Regolamento Polizia Urbana).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *