Il riciclo spiegato ai ragazzi: Corepla sbarca su Tik Tok

Corepla su Tik Tok

Sono i giovani il motore della rivoluzione ambientale. Lo dimostra il ruolo di una adolescente come Greta Thunberg, diventata così influente da partecipare agli incontri istituzionali dei Grandi del Pianeta.

E dei grandi usa anche il linguaggio, rovesciando addosso a loro colpe e responsabilità. Ma per comunicare ai giovani è necessario anche usare il ‘loro’ linguaggio. Lo ha capito Corepla, il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, che è appena sbarcata su Tik Tok, social del momento e regno virtuale dei teenager italiani.

Ha lanciato la campagna #DifferenziaConCorepla con 7 noti tiktokers che hanno realizzato video per raccontare in modo semplice, ai propri coetanei, come imparare a riconoscere gli imballaggi in plastica e sensibilizzare sull’importanza del riciclo.

E così si scopre che con 20 bottiglie di plastica si fa una felpa in pile, con 67 bottiglie dell’acqua si fa l’imbottitura di un piumino matrimoniale, con 11 flaconi del latte si fa un annaffiatoio.

La generazione Z

Immagine del video della campagna #DifferenziaConCorepla con il tiktoker Riccardo Aldigheri

Un progetto realizzato da intarget, partner per la consulenza strategica nel marketing digitale, che dopo aver accompagnato Corepla su Instagram nel 2019, ha lanciato in questo 2020 il Consorzio anche su TikTok. Il canale è stato scelto per raggiungere e dialogare con i 16-24enni, la generazione Z: un pubblico a cui serve un linguaggio fresco e totalmente anticonvenzionale, che da un lato mostra segni di apertura ma dall’altro è alla ricerca di autenticità diffidando delle operazioni classiche di advertising messe in atto dai brand.

“Abbiamo ideato strategia, creatività, coordinamento e adv per aiutare Corepla a comunicare su una piattaforma che ad aprile contava +151% rispetto al dicembre precedente, nella sola Italia. Parliamo di un social che diventa importante presidiare se il messaggio deve arrivare ad un pubblico giovane, ma difficile da raggiungere perché molto selettivo,” spiega Nicola Tanzini, CEO e founder di intarget. “Ci fa particolarmente piacere questo progetto con Corepla che porta un contenuto educational in una piattaforma di entertainment, facendo cadere le barriere tradizionali tra ciò che è ludico e ciò che è serio”.

L’insegnamento

Obiettivo di Corepla è insegnare alle future generazioni, agli adulti di domani, come fare correttamente la raccolta differenziata degli imballaggi in plastica, così da comprendere che è un materiale prezioso e, se correttamente raccolto e non disperso nell’ambiente, può ridare nuova vita a oggetti di quotidiana utilità. Il Consorzio vuole poi far comprendere l’importante differenza tra un imballaggio – che va conferito nella raccolta della plastica – e un non-imballaggio – che ad oggi va conferito nell’indifferenziato.

I protagonisti

Per raccontare in modo chiaro questo aspetto, sono stati coinvolti i tiktoker Martina Rinaldi, Alessia Lanza, Anna Roseciati, Riccardo Aldigheri, Martina Brondin, Serena Puppo e Noemi Mortella. Si tratta di 7 influencer molto attivi su questo specifico social che in 10 brevi video, con i rispettivi stili che li caratterizzano, saranno presenti sulla piattaforma TikTok, Dal 29 luglio al 4 agosto, la campagna ha già totalizzato 3,8 milioni di  video views.

Plastic Monday Show

Plastic Monday Show

Non  è l’unico progetto ‘social’ del Consorzio. Con “Plastic Monday Show”, per 9 settimane, Corepla si è impegnato a dar vita a dirette Facebook della durata di 30 minuti per discutere delle tematiche inerenti alla plastica e alla raccolta differenziata, con la presenza di Nando Timoteo e dei Frenchmole, webstar amate dai giovani, e il coinvolgimento, in ciascuna delle 9 puntate, di noti comici nazionali.

Articoli correlati