Input your search keywords and press Enter.

Metalli pesanti nei giocattoli prodotti in Cina

Uno studio di Greenpeace pubblicato dal “South China Morning Post” a Hong Kong denuncia concentrazioni elevate di metalli pesanti nei giocattoli prodotti in Cina. In particolare, la ricerca dell’associazione ambientalista rivela che un terzo dei giochi per bambini “Made in China” contiene livelli di piombo superiori ai limiti imposti dalle norme.

Le analisi di Greenpeace hanno verificato che alcuni hanno raggiutno concentrazioni superiori di ben 200 volte quelle tollerate dalle autorità di Pechino, cioè circa 1.200 volte più alte rispetto ai limiti in vigore negli Stati Uniti.

Greenpeace ha quindi esposto la gravità del pericolo per la salute cui sono soggetti i bambini che vanno incontro a malattie dell’apparato respiratorio e del sistema nervoso.

Le autorità cinesi, a loro volta, hanno risposto che i risultati della ricerca degli ambientalisti derivano dall’uso di un sistema giudicato “meno sofisticato” di quello adottato dall’ente di controllo governativo. Secondo le stime diffuse dall’Amministrazione di Supervisione di Qualità, Ispezione e Quarantena di Pechino, invece, sono stati trovati livelli di piombo troppo alti solo in un giocattolo su 240 analizzati. Tuttavia il Governo cinese ammette la possibilità che in alcune aziende si chiuda un occhio sulla qualità dei prodotti per abbassare i costi e rimanere competitivi e dopo l’allarme lanciato da Greenpeace non nasconde il timore di possibili ripercussioni sul mercato internazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *