Input your search keywords and press Enter.

A Bari nuovi obiettivi virtuosi per ambiente ed energia

Bari aggiunge un tassello al mosaico di una futura Smart City. Oggi, 20 settembre, è stato presentato il progetto Res Novae – Reti, Edifici, Strade, Nuovi Obiettivi Virtuosi per l’Ambiente e l’Energia.

All’incontro con la stampa (foto) sono intervenuti il sindaco Michele Emiliano, il dirigente Programmi speciali di ricerca e diffusione della cultura scientifica del MIUR Fabrizio Cobis, l’assessore della Regione Puglia allo Sviluppo economico Loredana Capone, l’amministratore delegato di Enel DistribuzioneLivio Gallo, il presidente Confindustria Puglia Domenico Favuzzi e i responsabili delle aziende partner del progetto.

Il Comune di Bari ha definito un piano di azione per l’energia sostenibile: un impegno a ridurre le emissioni inquinanti entro il 2020. Il piano definisce le linee di intervento da mettere in campo, come fonti energetiche rinnovabili, Smart Grids, mobilità elettrica, edilizia sostenibile e uso razionale dell’energia.

Res Novae organizza in ottica smart le infrastrutture energetiche cittadine. Saranno studiate e dimostrate funzionalità per il monitoraggio, il controllo e la gestione ottimizzata dei flussi energetici negli edifici; non saranno tralasciate le soluzioni tecnologiche necessarie per coinvolgere i cittadini.

Grazie a Res Novae si applicheranno le potenzialità dei sistemi di accumulo anche alla rete in bassa tensione. Inoltre, si sperimenteranno tecnologie e funzionalità per una migliore gestione dei consumi energetici degli edifici e dell’illuminazione pubblica. I flussi energetici saranno gestiti da un aggregator, che individua in tempo reale i consumi energetici cittadini e le aree a più bassa efficienza energetica.

Lo Urban Control Center, curato da IBM, fornirà informazioni relative al contesto ambientale urbano: la pubblica amministrazione avrà a disposizione la mappa energetica locale. Grazie a questi dati, sarà possibile pianificare politiche energetiche più affidabili ed efficaci: rendere più efficiente la distribuzione e il consumo di energia, significa ridurre le emissioni inquinanti e, dunque, l’impatto ambientale.

È inoltre prevista la realizzazione del Centro di Competenza Enel Distribuzione a Bari, in cui lavoreranno giovani in sinergia con i ricercatori delle altre società partner del progetto. Il centro disporrà di apparati e sistemi avanzati per la modellazione delle reti elettriche attive e la simulazione in tempo reale del loro comportamento.

Il progetto Res Novae è finanziato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) con circa 24 milioni di euro. Tra i partner del progetto: General Electric e IBM, Asperience ed Elettronika (le PMI locali coinvolte), CNR, Enea (che riveste anche il ruolo di Responsabilità Scientifica dell’intero Progetto), Politecnico di Bari e Università della Calabria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *