Home Eco weekend Weekend San Giuseppe: falò, taule, erbe spontanee

Weekend San Giuseppe: falò, taule, erbe spontanee

1366
0
SHARE

La fine dell’inverno e l’inizio della primavera tra i riti e i culti dedicati a San Giuseppe

Un ecoweekend che segna l’inizio della primavera tra falò e papà da festeggiare nel segno di San Giuseppe.

Tra alberi maestosi

Sabato 18 marzo nella Masseria Mita, sulle colline di Martina Franca, si festeggia l’inizio della primavera con lo studioso di folclore Damiano Nicolella, per conoscere i riti legati al culto di San Giuseppe; dal numero delle portate delle famose “tavolate” ai narcisi, dal fuoco purificatore ai ceci fritti. Una passeggiata illuminata solo dalla luce delle torce condurrà al maestoso ulivo millenario nell’oliveto monumentale della Masseria. Al ritorno, cena tipica di San Giuseppe.

Altra passeggiata, questa volta alla scoperta del territorio di Egnazia. La cooperativa Serapia aderisce infatti alla prima Giornata Nazionale del Paesaggio organizzata dal MIBACT e dal Polo Museale di Puglia. Si arriva fino al borgo di Savelletri, accolti da odori, sapori e colori del porticciolo e delle case dei pescatori. Addentrandosi poi verso l’interno, si raggiungerà l’originale Parco letterario della via Traiana. Infine è prevista un’esclusiva visita alla Tomba delle Melograne, bellezza tra le bellezze, dove questo complesso frutto diviene simbolo mitologico ma anche espressione di una forte interconnessione culturale e religiosa tra le diverse civiltà che si affacciavano sul Mare Nostrum. L’evento aderirà alla campagna social del MIBACT #paesaggioitaliano#mibact.  Informazioni per entrambe le iniziative sul sito della Cooperativa Serapia.

Fumetti…medievali

A Bari, sempre sabato alle ore 16.30 al Castello di Bari, si disegna la storia. Nova Apulia propone il laboratorio didattico I Diari di Federico II. La storia ridisegnata, un divertente laboratorio di fumetto su una delle più importanti figure storiche del Medioevo e sulla sua avventurosa vita. Il laboratorio sarà tenuto da Sal Modugno, autore de I Diari di Federico (Quorum edizioni), cinque ironici diari redatti dall’imperatore nei suoi ultimi giorni di vita e nei quali ripercorre in modo ironico e divertente la propria esistenza. Per informazioni.

San Giuseppe superstar: i falò…

Quanto all’appuntamento con la tradizione dei falò allestiti per festeggiare San Giuseppe e dare il benvenuto alla primavera, anche a Locorotondo la festività religiosa si intreccia con i riti di purificazione agraria, in cui ciò che resta del raccolto sui campi viene accatastato e bruciato. Il falò è il simbolo della fine dell’inverno e l’inizio della primavera, di questo passaggio tanto atteso. Molti gli appuntamenti.. attorno ai falò, organizzati dalle associazioni di Locorotondo.

…e le tavole

tavole san Giuseppe
Una delle “taule” di san Giuseppe allestite a Giurdignano (LE)

Da non perdere il rito delle Tavole di San Giuseppe, che si rinnova nei giorni 18 e 19 marzo a Giurdignano. Le tavole sono delle mense sacre e benedette la cui origine non ha una datazione precisa. Secondo alcuni, l’origine delle tavole è legata ai monaci bizantini che offrivano protezione e pasti caldi ai poveri. Un’altra ipotesi la farebbe risalire a un’usanza feudale che legava il signore ai poveri, altri, invece, la associano alle “Confraternite” di San Giuseppe che imbandivano le tavole a favore dei poveri. Di fatto, nel piccolo centro idruntino l’intera comunità è coinvolta nella preparazione delle taule, di cui circa 60 quelle private.

Una tradizione che si ripete da quasi nove secoli

I devoti preparano la tavola del Santo o per grazia da ricevere o per grazia ricevuta, i santi variano da 3 a 13, sempre in numero dispari, in ricordo dell’ultima cena, e sono scelti dalla devota tra i parenti, seguono dei riti specifici e si consumano a mezzogiorno del 19 marzo. Dopo essere state benedette, le Tavole potranno essere visitate dai viandanti già nel pomeriggio di sabato 18 e aperte a tutti fino al mezzogiorno del 19. Dopo il rito della consumazione, si aprirà la sagra in onore di San Giuseppe con le pietanze tipiche e musiche folkloristiche locali. Nell’ambito del progetto Storia e Mito del Sac Porta d’Oriente, al primo piano del Palazzo Baronale sarà allestita una tavola semipermanente, che rimarrà in esposizione nel palazzo per i visitatori per tutto l’anno.

Analoga tradizione nella vicina Otranto, dove un’altra usanza molto sentita è la preparazione della Massa, una sfoglia di farina impastata con l’acqua e tagliata a strisce strette e lunghe, cotta poi con i ceci. Questa pietanza viene cucinata in grandissime quantità e riposta nei limmi, recipienti in terracotta. La Massa viene distribuita nei giorni della festa.

In cerca di erbe spontanee

san giuseppe - passeggiata in campagna
Una delle passeggiate didattiche Il Parco Naturale Regionale Costa Otranto S. Maria di Leuca – bosco di Tricase

E per restare in quel di Otranto, nel Parco Naturale Regionale Costa Otranto S. Maria di Leuca – bosco di Tricase, invece, sempre domenica si svolge Erbe buone nel Parco, un’iniziativa di Terrarossa Cooperativa Sociale e Parco Naturale Costa Otranto – Leuca, nell’ambito del progetto “Sapori autentici di comunità”, in collaborazione con Salento Bici Tour e SAC Porta d’Oriente. Una giornata dedicata alla cosiddetta “cucina povera” del Capo di Leuca.

Nel Palazzo Baronale di Tiggiano, esperti, conoscitori, estimatori e semplici curiosi potranno confrontarsi durante un breve seminario informale con il responsabile scientifico del Parco, Francesco Minonne, che presenterà le principali essenze eduli: le loro proprietà, l’utilizzo in cucina e le curiosità legate alla storia e alla tradizione. Poi ciascuno potrà raccogliere e preparare la sua manescia di foje reste. A chiudere in bellezza la degustazione delle ricette preparate. Info al 3207709937.

Ancora piante spontanee, sempre domenica ma questa volta a Cassano. Il Circolo Legambiente, ripropone la 4a edizione di Passeggiando alla riscoperta delle piante spontanee. L’escursione naturalistica si snoderà lungo la Lama del torrente Badessa ed il bosco di Grottagiglio. Info e prenotazioni: www.facebook.com/legambientecassano

 

 

 

 

Print Friendly

LEAVE A REPLY