Pubblicato alle da & nella categoria News.

L’Unione Europea ha stanziato 31,5 milioni di euro per il programma Eco-innovation, a favore di idee industriali amiche dell’ambiente.

I vincitori del bando 2012 saranno comunicati solo quest’estate, ma il numero delle domande è stato già reso noto durante un Info Day a Bruxelles. Su 284 progetti presentati, 91 sono italiani, preceduti soltanto dagli spagnoli (125). Le eco-soluzioni Made in Italy spiccano nei settori della ceramica e del tessile (a causa di una presenza industriale molto importante) ma anche del riciclo.

Tra i concorrenti al bando Eco-Innovation 2012, la cooperativa La Fabbrica del Sole di Arezzo, attiva nel settore dell’ecologia e delle fonti rinnovabili. I soci hanno ideato un box che permette la raccolta e la purificazione delle acque piovane, con tecnologie innovative: tra le caratteristiche annunciate, la completa autosufficienza energetica e la sua adattabilità a situazioni d’emergenza o a condizioni ambientali estreme.

All’Info Day erano presenti pure i vincitori dei passati bandi. Fra questi, l’ingegnere Cosimo Bruni del laboratorio Spin-Pet, azienda spin-off dell’Università di Pisa. Il laboratorio riunisce otto imprese europee impegnate nel riciclo della plastica: dal PET riescono ad ottenere filati tessili da utilizzare gli interni degli automobili e negli elementi d’arredo.

I fondi Eco-Innovation saranno integrati anche nella prossima programmazione UE 2014-2020, poiché confluiranno nel programma europeo di ricerca Horizon 2020.

Scritto da: Giuseppe Lavopa

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>