Home Ambienti Inquinamento indoor, check-up per ambienti sani

Inquinamento indoor, check-up per ambienti sani

630
1
SHARE

L’inquinamento indoor può essere causa di patologie croniche. Un check-up di case e luoghi di lavoro può limitare rischi per ambiente e salute

Asma, allergie, disturbi ai sistemi immunitario, cardiovascolare e nervoso. L’inquinamento indoor interferisce in maniera importante sulla salute e sulla qualità della vita. Gli ambienti chiusi, infatti, imprigionano una notevole quantità di inquinanti chimici e biologici (muffe, batteri).

app inquinamento indoor
Il dispositivo N1Pro fornisce istantaneamente dati utili a valutare i rischi da inquinamento indoor

La medicina ambientale studia le interazioni tra inquinamento indoor e salute umana, evidenziando un nuovo rischio sanitario. «Nei Paesi industrializzati – afferma la SIMA, Società italiana dei medici ambientali – un uomo conduce il 90% della vita quotidiana in spazi chiusi. La produzione di sostanze chimiche è aumentata  da 1 a 400 milioni di tonnellate, tra il 1930 e il 2000; negli ultimi 50 anni l’uomo ha immesso nell’ambiente circa 80 mila nuove sostanze chimiche».

La tecnologia può aiutare a prevenire i rischi sanitari e ambientali che derivano dall’inquinamento indoor. Health Italia, operatore della sanità integrativa, promuove la prima campagna di check up degli ambienti chiusi. Principali promotori di questo check-up sono le società di mutuo soccorso e di assistenza sanitaria integrativa: Health Italia ha stipulato convenzioni con alcune di esse, per offrire questo servizio a costi agevolati.

Il check-up ambientale analizza la salubrità di abitazioni e posti di lavoro

Il dispositivo multisensoriale N1Pro rileva oltre venti parametri che determinano l’inquinamento indoor: campi elettromagnetici, gas radon, umidità, temperatura, polveri sottili, qualità dell’aria e potabilità dell’acqua.

Il monitoraggio, della durata di sei giorni, permette di elaborare strategie contro l’inquinamento indoor. Gli ingegneri di Health Italia elaboreranno un report sulla qualità complessiva dell’ambiente. Il report suggerisce le soluzioni (comportamentali o strutturali) utili per ridurre l’inquinamento indoor. Particolare attenzione è riservata all’inquinamento elettromagnetico, causa di leucemie: i tecnici possono proporre un’organizzazione degli ambienti, che eviti o limiti l’esposizione a questo rischio. Inoltre, sono indicate eventuali bonifiche, da realizzare con l’ausilio di ditte specializzate.

Terminato il check-up iniziale, l’utente potrà monitorare costantemente gli ambienti in cui vive. Un’applicazione per smartphone registra istantaneamente i dati sulla qualità dell’aria interna. Attraverso un’app per smartphone, N1Pro comunica la presenza di incendi ed eventuali fughe di gas metano. In questo modo, si tiene sotto controllo non solo la salubrità dell’edificio, ma anche la sicurezza di chi vive al suo interno.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY