Home Ecostyle Giornata Mondiale della Terra: eventi e novità

Giornata Mondiale della Terra: eventi e novità

240
0
SHARE

Non si fermano le iniziative in tutto il mondo per celebrare la Giornata mondiale della terra 2017.

La Giornata Mondiale della Terra si celebra dal 1970, quando l’ONU la istituì per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali del nostro Pianeta;  ogni anno l’Earth day coinvolge fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.

Questo straordinario risultato è considerato da molti la prova della nascita di una vera e propria “Green Generation”, che guarda a un futuro emancipato dalla dipendenza da combustibili fossili e predilige di fonti rinnovabili di energia, che coltiva la responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile ed è impegnata nello sviluppo di una green economy come pure di un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.

Una marcia per la scienza

La manifestazione più importante in assoluto è la “March for Science“, che si terrà lungo il Mall di Washington, il lungo viale presso la Casa Bianca già teatro in passato di manifestazioni epocali per i diritti civili. La “March for Science” è stata ideata come presa di posizione del mondo scientifico per richiamare i cittadini del mondo a supportare e tutelare i metodi scientifici e chi opera nell’ambito della ricerca.

Anche l’Italia in occasione della Giornata Mondiale della Terra avrà la sua Marcia per la Scienza. Sabato 22 aprile, il centro di Roma sarà teatro di una marcia organizzata da diverse associazioni riunite nel Comitato Marcia per la Scienza. La manifestazione è inserita in un calendario internazionale di mobilitazioni simili che si terranno, nello stesso giorno, in numerose città del mondo. Il percorso partirà dal Pantheon alle 16 per terminare alle 17  in piazza Campo de’ Fiori, al cospetto della statua di Giordano Bruno. Successivamente, dalle 17 alle 19, il Villaggio per la Terra, offrirà ai partecipanti alla marcia il suo palco per due ore di interventi di scienziati, ricercatori, divulgatori e artisti, a sostegno della causa della scienza.

Divertirsi con la terra

La Giornata Mondiale della Terra sarà anche una giornata all’insegna del divertimento. Sono infatti molte le iniziative in tal senso. Per prima cosa, Il 21 e 22 aprile sarà possibile entrare gratis a Cinecittà World, il parco divertimenti alle porte di Roma, grazie alla raccolta differenziata: riciclando correttamente le bottiglie di plastica usate sarà infatti possibile ottenere uno o più biglietti omaggio. Ogni bottiglia inserita nell’eco-compattatore Greeny prodotto da Eurven, posto all’ingresso del parco in Piazza Cabiria, vale 50 centesimi: sarà quindi possibile inserire tante bottiglie quante sono necessarie per il raggiungimento del prezzo del biglietto.

Con l’occasione il parco inaugura la nuova area “MagicaMente Plastica” realizzata in collaborazione con Corepla – il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica. Il percorso è rivolto alle scuole, per raccontare ai bambini tutti gli utilizzi della plastica, dal riciclo alle innumerevoli trasformazioni a cui questo materiale si presta.

Anche il parco divertimenti Leolandia (Capriate San Gervasio – BG) festeggia la Giornata Mondiale della Terra. Tra le iniziative in programma per il 22 aprile, anche quella dedicata alla coltura naturale. Per l’occasione centinaia di coccinelle, insetticidi naturali e amiche dell’ambiente, saranno “liberate” con l’aiuto dei bambini sull’orto didattico di Leolandia per proteggere le coltivazioni del parco senza l’utilizzo di pesticidi.

Anche Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, approfitteranno della Giornata Mondiale della Terra per lanciare la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Il brevetto, messo a punto da Orange Fiber, permette di trasformare questo residuo di lavorazione in un tessuto di qualità e dall’alto contenuto d’innovazione tecnologica, senza sottrarre materia prima all’industria alimentare e utilizzando sottoprodotti altrimenti destinati allo smaltimento.

Print Friendly

LEAVE A REPLY